Questo sito contribuisce alla audience di

371 milioni di euro all’anno per tre anni: La Fiorentina è contenta, De Laurentiis attacca

371 milioni di euro all’anno per tre anni. Questa la cifra che entrerà complessivamente nelle casse dei club di Serie A per la commercializzazione e la vendita del nostro campionato all’estero. Una cifra che fa segnare un deciso aumento rispetto al passato (praticamente il doppio) e che la Fiorentina ha accolto in maniera positiva, dato che ha votato a favore circa la ratifica del contratto con Img, la società che si è aggiudicata l’asta.

Ma una cifra e un tipo di accordo che ha visto votare contro il Napoli, con Aurelio De Laurentiis che è andato su tutte le furie: “Ve lo dico con estrema serenità: sono molto deluso – ha detto De Laurentiis – Sapevo che avremmo aperto delle buste che decretavano la soddisfazione della fame di alcuni club di avere dei soldi, ma impedito alle 5 squadre più importanti di diventare competitive nei prossimi 4 anni. Di fronte a quanto prendono la Liga, la Premier e la Bundesliga, abbiamo bisogno di recuperare tanti anni di grandi errori, dove per molti anni all’estero il nostro prodotto non veniva visto. Abbiamo avuto delle offerte a dir poco mortificanti a causa di gravi errori fatti dal subcommissario Nicoletti, da Tavecchio e Infront che ci crea dei danni perché se gli altri fatturano il doppio di noi e noi prendiamo il doppio dell’ultimo anno non è sufficiente. Il fatto di stare attorno ai 350 milioni è molto ridicolo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Che tristezza !!

  2. Ci credo un campionato ridicolo dove non c’è nessuna forma di equità. Chi se ne frega di guardare qualcosa che si sa già come va a finire. Dovrebbero prendere esempio dall’inghilterra o dagli Stati Uniti dove una maggiore equità crea le condizioni per creare più pretendenti alla vittoria finale, dove i più capaci possono battere i più ricchi. Ma qui siamo nel paese di parentopoli, dove non conta quanto vali, ma come ti chiami, chi conosci o a quale loggia appartieni. That’s Italy!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*