Questo sito contribuisce alla audience di

AD OGNI MODULO…Il cambio e la svolta

MontellaParmaLa Fiorentina esce dalla trasferta di Reggio Emilia con tre punti in tasca e la consapevolezza di poter passare un Natale a ridosso della Champions, obiettivo ormai dichiarato sia da Montella e dalla società. I viola non hanno brillato come altre volte al Mapei Stadium, ma hanno offerto una prestazione generosa e intelligente. Dopo un primo tempo scialbo, forse viziato anche da una disposizione in campo non proprio azzeccatissima da parte del tecnico, i viola sono risorti nel secondo tempo, guadagnando metri di campo e possesso palla. Il 4-3-3 iniziale dell’aeroplanino, stavolta non ha inciso. In particolare, Vargas e Ilicic non sono quasi mai riusciti a servire Rossi, apparso anche lui poco lucido nella prima frazione di gioco. La prestazione opaca di Borja, unita alle assenze pesanti di Cuadrado e Rodriguez, poteva lasciar presagire ad un pareggio a reti bianche che certo avrebbe fatto comodo agli uomini di Di Francesco. Al 65’ è arrivata la vera svolta della partita: Montella ha richiamato Vargas e inserito Pizarro, passando ad un centrocampo a rombo con Ilicic e Rossi davanti. Il cileno è sembrato subito in palla e anche gli altri hanno risposto bene al cambio tattico. La pressione viola è aumentata pian piano e dopo aver sfiorato tre-quattro volte la rete, Rossi ha indovinato il colpo vincente a circa dieci minuti dalla fine. Da sottolineare che questa è stata la seconda partita consecutiva senza subire reti, forse il dato più importante di questo breve periodo pre-natalizio. L’intelligenza di Montella è stata quella di ammettere che il modulo iniziale a tre punte non stava rendendo, soprattutto a causa dell’assenza di Cuadrado.

Foto: Paolucci/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Maurizio:trovo la tua analisi ineccepibile. Anche a me e’parso che Vargas e’ stato male impiegato contro il Sassuolo. E,stranamente poco servito dai compagni quando era smarcato

  2. Pretendere che Vargas trovi spazio in una fascia dove già operano Pasqual e Borja è assurdo.Vargas rende nel centrocampo a cinque.. Oppure nel 442 come quarto di centrocampo ma non nel 433 come attaccante..se lo arretra e qualcuno lo lancia sulla linea laterale rivedremo i cross con i quali Gilardino segnava ma stavolta con la testa di Gomez…

  3. Right purple ravanels…right

  4. Bravo Marasto hai cambiato opinione con umilta …purtroppo durante la partita ci si lascia trasconare dall emotivita..a me piace Montella x il suo distacco english…sbagliera come tutti ma poi bis imparare dagli sbagli right?

  5. Analisi giusta ma montella poteva accorgersene prima ed effettuare i cambi più rapidamente! anche l’approccio è stato sbagliato, è stata una settimana di discorsi e feste ma non di concentrazione sulla gara! Non deve più accadere! In questi giorni i giocatori seguano le indicazioni dello staff e del mister, perché al rientro non ci possiamo permettere di non ripartire forte!

  6. Scusate se non sto commentando questo articolo e mi riferisco a quello relativo a Musacchio dove non posso perché i commenti sono chiusi. Gentile redazione sono rimasto un po’ male dal fatto che qualcuno in società non sia convinto da questo giocatore, è possibile sapere qualcosa in più? Chi o a quale settore della società vi riferite? In questa maniera leggo solo di un sasso nello stagno…

  7. Stò rivedendo ora.ora la partita…e accipicchiolina (da maremmano redazione è molti difficile censurarmi…questo è da apprezzare)Pizarro da quando è entrato ha spaccato la partita..non me ne ero accorto durante la diretta,che fra una bestemmia e l altra(scusate la volgarità ma son sincero)mi era passato in secondo piano..

    Ci ho ripensato Pizarro deve restare,e poi quando ha segnato rossi la sua esultanza era genuina e di uno che ha ancora molta voglia di stare in viola.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*