Addio Montella non decisivo per Salah ma l’egiziano riflette

Un punto di ripartenza chiave per la Fiorentina è sicuramente Mohamed Salah, la cui permanenza o meno è destinata ad essere decisa a stretto giro di posta. La società viola, nel caso, dovrebbe infatti rinnovare il prestito dell’egiziano con il Chelsea, con la fuoriuscita di un milione di euro e l’aggiunta del suo stipendio al monte ingaggi (fino a qui offriva Abramovich infatti). Secondo Radio Blu però non sarebbe decisivo per la sua scelta l’addio di Montella, con il quale comunque era nato una gran bel rapporto: l’ex Basilea infatti vuole valutare quelli che sono i programmi e gli obiettivi della Fiorentina. Nessun dubbio avrebbe sull’ambiente gigliato, elogiato dallo stesso attaccante per la grande dimostrazione d’affetto tributatagli anche all’ultima di campionato, ma da calciatore ambito qual è, Salah vuole pensarci bene prima di legarsi ai colori viola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. L’Atletico di Madrid ha proposto un contratto a Salah di 4 anni a 3 ml e di poter lottare si per la liga che per la Champions secondo voi rimane in una squadra dove il massimo è il 5 posto, oltre ai soldi i giocatori vogliono vincere o almeno tentare nel vincere.

  2. Se la società si lascerà sfuggire questo giocatore sarà una vera vergogna…i dirigenti dovrebbero coprirsi il capo di cenere.

  3. supercannabilover

    20 milioni piu’ un ingaggio da almeno 4 mlioni l’anno, secondo me non rimane mai.

  4. Cisko73 non lo puoi chiamare gobbo, si offenderebbero i gobbi. E solo uno di quei teppistelli che sputano veleno approfittando dell’anonimato. Nella società di sicuro il suo ruolo e’ quello di fare la pecora.

  5. fidatevi……VERRA’ DONADONI.
    è stato a Parma mangiando panini col cacio, viene a volo (costa meno di Ventura)

  6. cisco73 è sicuramente un gobbaccio —basta con i pseudotifosi andate a fare il tifo x le strisciate che li è il vostro posto

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*