Agroppi: “Sousa è un dipendente della Fiorentina e non deve lamentarsi in pubblico”

Aldo Agroppi ha parlato a Radio Blu: “Se fossi il presidente della Fiorentina, le parole di Paulo Sousa mi avrebbero fatto arrabbiare. La dirigenza fa le sue scelte e poi sta all’allenatore schierare gli acquisti, il tecnico viola è un dipendente della società e deve sottostare alle direttive della società. Certamente può fare anche le sue richieste, ma non deve esporsi come ha fatto durante questo mese. Invece di farlo in conferenza stampa, deve lamentarsi con i dirigenti e con i Della Valle. Analogie con Prandelli e Montella? Non saprei, in questo caso si è arrivati allo scontro in sei mesi e non in tre o più anni. Ha un contratto fino al 2017 e deve rispettarlo. La squadra non risente di quello che sta succedendo tra Sousa e i dirigenti. Sousa ha una buonissima squadra sotto mano, ma non può vincere lo Scudetto perché non è la più forte. I Della Valle non se la sentono di investire pesantemente per puntare al titolo. L’allenatore deve essere dalla parte della società e non deve alzare la cresta perché ha portato la squadra al terzo posto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. spfl@optonline.net

    Ha ragione Agroppi
    Sousa e’ un montanto. Che si stia zitta. Sta perdendo tutti i giocatori perche e’ un montato e si crede di essere un grande.
    Sousa mi fa pena. E stato fortunato fino adesso ma la fortuna finisce. Presunzione non porta alto l’umilta si.
    Via Sousa

  2. apre bocca questo che con una squadra zeppa di campioni per la sua inettitudine ci portò diritti in serie B. Ma chetati, deficiente

  3. io non lo mando neanche a c***. Mi fa solo pensa… ridotto a sparar minc**** per le tv locali…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*