Questo sito contribuisce alla audience di

Alla ricerca dell’Asse delle Corvinate

Spesso nel mercato vediamo andare in scena operazioni anche a costi contenuti, differentemente invece dalle cifre prospettate: merito anche dei cosiddetti “rapporti”, che ogni direttore sportivo deve essere bravo a costruirsi per poterne poi trarre vantaggio in tali situazioni. Si ha a che fare spesso con operazioni in prestito, con obbligo di riscatto rimandato magari di sei mesi per esigenze di bilancio: uno degli ultimi casi risale a Diego Perotti, passato lo scorso gennaio alla Roma a titolo temporaneo fino addirittura al giugno 2017, per un milione di euro appena. L’eventuale diritto di riscatto si attesta sui nove milioni ma decorrerà dalla stagione 2017/18: di fatto un prestito biennale per i giallorossi. E’ un po’ di questo tipo di operazioni che dovrebbe nutrirsi la Fiorentina, creando e sfruttando qualche asse di mercato particolare: quello tra Genoa e Milan è celebre ma anche la stessa Roma e il Torino hanno collaborato non poco. E’ anche così che si può arrivare a calciatori magari extra budget.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. BOBBO, avrà evitato Benalouane e Kone ma ha preso Dragowski, Milic e Toledo (sospendo il giudizio su Olivera, Diks e Salcedo) ed inoltre ha “cestinato” Piccini e Capezzi. Non che Piccini e Capezzi farebbero la differenza ma avrebbero fatto risparmiare 3,8 milioni per Cristoforo e oltre 2 per Diks. Dove sta la differenza con Pradè?

  2. Hanno tutti paura. Una fottuta paura di Corvino. Dopo la cessione di Felipe Melo,preso per 8 milioni e rivenduto dopo appena 11 mesi a 24 milioni,e che si è rivelato una pippa clamorosa,con Corvino che sapeva bene chi era e cosa poteva dare quel calciatore,i rapporti con le altre italiane si sono molto raffreddati,anche perché la società che è rimasta fregata era lei,non una qualunque.

  3. Fracazzo da Velletri

    “Rapporti “????Corvino? ???parole incompatibili. …in Italia poi!!!!! Di questo nessuno parla ,sarebbe curioso conoscere il perche’?

  4. Si può tirare un primo bilancio degli acquisti di Corvino ed inutile negarlo sono tutti giocatori che reggono la categoria è vero ma niente più!! Il nostro direttore sportivo ha avuto praticamente zero € e il mercato estivo rispecchia ciò!!! Quindi Corvino merita un bel 6 perché non ha preso nessuno in grado di migliorare la squadra(ha preso solo gente che numericamente ha arricchito la rosa senza indebolirla troppo), ma ha anche evitato i Kone e Benalouane di turno(e il mercato abbonda di giocatori di questa tipologia)!!!!
    Alla società e proprietà va un bel 4- perché la storia del buco di bilancio da ripianare (su cui nutro dubbi atroci) se vera andava affrontata con altro piglio: vendita di 3-4 giocatori importanti e poi ripartire con bilancio pulito e risanato!!!! Gestita così è comoda per giustificare ogni mancato reinvestimento degli incassi delle vendite!!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*