Conosciamo meglio Grassi, il ‘canterano’ che ha stregato Sousa

Alberto Grassi e la Fiorentina, una storia d’amore destinata a nascere nei prossimi giorni. I dirigenti viola stanno facendo di tutto per chiudere l’acquisto del centrocampista nerazzurro, anche a costo di lasciarlo a Bergamo per i prossimi sei mesi. L’input decisivo è arrivato da Paulo Sousa: il tecnico viola è rimasto stregato dal numero 95 orobico e non vede l’ora di poterlo allenare e inserire all’interno dello scacchiere viola. Grassi è il classico prodotto fatto in casa, ormai un habitué per gli orobici che hanno lanciato nel mondo dei grandi giocatori del calibro di Montolivo, Bonaventura, Pazzini e campioni come Donadoni e Scirea. Da Bergamo c’è che dice che in prospettiva possa diventare un calciatore ancora più importante di Baselli, anche lui ad un passo dal vestire la maglia viola in estate ma che ha poi scelto il Torino. Grassi ha esordito in Serie A il 22 novembre del 2014, per poi venire rispolverato nelle ultime due giornate dello scorso campionato in cui è partito dal primo minuto. In questa stagione poi, ha collezionato 13 partite in campionato, rubando il posto a Kurtic e salendo agli onori della cronaca per le buone prestazioni offerte. Dopo la gavetta nelle varie Nazionali minori, Grassi è diventato un giocatore importante anche per l’Under 21 di Gigi Di Biagio: convocato per la prima volta nell’estate del 2015, si candida a diventare un pilastro degli azzurrini anche in futuro. In attesa magari di una convocazione nella Nazionale maggiore, da raggiungere con la maglia della Fiorentina addosso…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Lo vorrò conoscere se e quando sarà nostro!

  2. dai perdiana prendiamolo sto Grassi!
    Non facciamo come Baselli che poi va a fare sfracelli altrove

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*