#Amala

Mancini

Mancini

Una formazione scriteriata, con un assetto difensivo cambiato per la circostanza (segnale anche di debolezza), un portiere in una serata a dir poco imbarazzante e dopo solo quattro minuti ecco che la Fiorentina è già in vantaggio. Da lì in poi è tutta una discesa per i viola e un qualche grazie lo dobbiamo dire anche al Mancio, al secolo Roberto Mancini, e a tutti i suoi scolaretti, che hanno preso una bella lezione di calcio dai giocatori viola. Quattro pere e primo posto in coabitazione raggiunto, sugli spalti può risonare il coretto “il pallone è quello bianco” ormai di moda quando la viola affronta l’Inter, nonché il celeberrimo inno nerazzurro. Eh sì, “amala”, perché in serate come questo non puoi che amare una squadra che ha investito solo Dio sa quanto e ti ha dato una piccola, grande mano per vivere un sogno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. CHI SE NE FREGA DI TUTTO E DI TUTTI GLI STRISCIATI – FORZA VIOLA!!!!!
    SIAMO PRIMIIIIIIIIIIIIIIIIII

  2. premettendo che mazzarri non mi è simpatico ma al posto del signor mancini (uomo presuntuoso spocchioso ) con giocatori anche più modesti e meno cari avrebbe fatto gli stessi risultati o forse meglio . il presidente del’ inter dovrebbe pensarci bene prima di fare altri acquisti per accontentare il suo presunto allenatore !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Il suo intervento, gentilissimo Del Corona, è DISCUTIBILE come sempre del resto. Non sapendo come giustificare l’impostazione data al suo sito, cioè di continua “guerra mediatica” all’attuale dirigenza viola, adesso ringrazia persino Mancini e l’Inter per la loro “scriteriata” tattica calcistica. La Fiorentina di ieri sera avrebbe potuto vincere con chiunque; gli errori interisti sono stati causati dal pressing e dalla qualità dei “nostri giocatori che non so se sono anche i suoi!
    Guerra mediatica? Ma è sicuro di aver letto Fiorentinanews.com? A parte che la guerra mediatica non si fa con il calcio (e mille! Ma lo ribadirò fino a che non verrà quel giorno in cui non ci sarò più), ma quale sarebbe stata la guerra mediatica come la chiama lei? Riportare tutte le posizioni (ma proprio tutte, da Bucchioni fino a Beha per capirsi) non vuol dire fare guerra mediatica a nessuno, vuol dire solo dare la più ampia gamma possibile di opinioni per potersi confrontare e dire la propria. Purtroppo, passando i vostri commenti, non posso che riscontrare la volontà da parte di molti di creare fazioni e mettere gli uni contro gli altri, quando in realtà siamo tutti solamente tifosi viola. Giusto per restare alla partita di ieri, una piccola (e sottolineo piccola) parte del successo è dovuta anche agli errori commessi da un tecnico molto sopravvalutato come Roberto Mancini che abbiamo avuto modo di vedere all’opera anche qua a Firenze. S.D.C.

  4. …Fiorentina.
    Poverini, sarebbe bastato dire che Mancini non ci ha capito nulla e che Sousa ha messo in campo una super Viola che ha surclassato l’Inter in tutto. Fine della storia.

  5. Mancini, come il suo collega super scienziato Mihailovich, non capisce un belino di gioco di squadra.
    Fanno spendere montagne di soldi a presidenti creduloni per acquistare giocatori che possano risolvere le partite con giocate individuali e non corali.
    Brutto fine settimana per i commentatori prezzolati di Sky Sport=Milan Channel! Dopo la partita Mauro, Bergomi e company hanno passato quasi un’ora a parlare dell’Inter e le cause della sconfitta, senza una parola sulla grande prestazione della..

  6. violascurocolmaldifegato

    ma se invece di “amala” io scrivessi “PU….a” è uguale?

  7. Tony47 Perugia

    In prima mattinata ho visto su Winga la replica della diretta di Telelombardia con un parterre formato da interisti milanisti e juventini, premetto che stato uno spettacolo, il loro corrispondente dal campo ha ripetuto + di una volta che i tifosi Viola facevano gli ululati a Gondobbia e questo non va’ bene, poi lo stesso Scarpini ha detto che con molta probabilità ci sarà la prova televisiva x Melo reo di aver dato una gomitata a Kalinic.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*