Amoruso: “Io lascerei l’Europa per il campionato, che è più facile. Per la ICC serve il quinto posto”

Uomo Fiorentina nel mondo, Lorenzo Amoruso a Lady Radio dice la sua per quanto riguarda gli obiettivi viola, divisi tra campionato ed Europa League, e sulla ICC, alla presentazione della quale l’ex difensore faceva le veci della società viola: “Non credo che la Fiorentina possa fare troppi calcoli, è vero che c’è l’Europa League dove può succedere di tutto. Io punterei più sul campionato, perché mi sembra molto complicata da vincere. In campionato invece ci sono cinque partite in cui la Fiorentina, se gioca da Fiorentina, può vincere sempre. Questo se ragionassimo con i valori delle squadre alla mano, oltretutto secondo me basterebbero 12 punti per garantirsi il quarto, quinto posto, perché ci sono tantissimi scontri diretti. International Champions Cup? Bella e importare perché aldilà del fascino di affrontare squadre importanti, c’è l’importanza del confronto con società attrezzatissime che lottano tutti gli anno per vincere la Champions. Serve per far capire qual è realmente l’Europa d’elite e a quale punto siamo nella crescita. Sarà importante però per la Fiorentina arrivare quinta o quarta per poter partecipare al torneo, che sarebbe davvero bello. Tenuta mentale? Noi nel ’96 arrivammo terzi ed avevamo già acquisito la finale della Coppa Italia, che ci dava già la matematica certezza della Coppa delle Coppe. Nonostante ciò contro quell’Atalanta, che dava fastidio a tutti, facemmo uno sforzo sovrumano, ad esempio a Piacenza, per portare a casa i tre punti per garantirci la posizione europeo. Questo sforzo deve venire però anche dall’allenatore e dalla società. La Fiorentina di ora ne ha, la partita con la Juve lo dimostra, per cui il problema forse nasce anche dall’eccessiva tranquillità con cui sono state affrontate le partite con Verona e Cagliari. Io ho una perplessità gigantesca a livello difensivo, ho l’impressione che i difensori guardino troppo la palla, gli uomini li lasciano spesso, vedi il gol di Tevez. Nel calcio attuale non può accadere tutto ciò, questo per altro succede sempre quando la Fiorentina comincia ad avere la percezione di essere una squadra forte. E’ un segnale di relax da parte dei singoli, a volte essere più cattivo da parte dell’allenatore, anche nelle situazioni private non sarebbe male”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. La Juve ha vinto lo scudetto,è in finale in coppa Italia e in semifinale in CL. Noi dovremmo competere per il 5 posto e lasciar stare l EL??? E qualcuno voleva competere??????suvvia lasciate stare non è per voi!!!!

  2. Molti difensori hanno perso la concezione di come si difende, con quella a zona, non si tiene più il diretto avversario, così, spesso gli attaccanti vanno a nozze; bisognerebbe insegnare anche la difesa a uomo che potrebbe essere eseguita in certi momenti della partita o secondo quali attaccanti devi marcare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*