Questo sito contribuisce alla audience di

Anche Pradè intercettato con Carminati ma il ds estraneo a “Mafia Capitale”

Nell’ambito dell’inchiesta “Mafia Capitale”, con l’arresto avvenuto di Massimo Carminati, è venuta fuori dalle intercettazioni anche la figura di Daniele Pradè, per una telefonata del settembre 2012. Il capo della banda che avrebbe corrotto un lato numero di politici parlò al ds viola di una possibile cena in occasione del ritorno a Roma del dirigente della Fiorentina. Secca la risposta di Pradè: “Mai avuto interessi in comune con Carminati. Io a quella cena non ci sono mai andato. Sono finito in questa indagine solo perché mi chiamo Daniele Pradè, se ero uno sconosciuto nessuno avrebbe parlato di me”. Il nome del direttore sportivo della Fiorentina non rientra infatti nel registro degli indagati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA