Questo sito contribuisce alla audience di

Antognoni: “Anche la Juve ha un po’ paura di Firenze. Bravo Montella a tornare alle origini e ora mi aspetto gol da Gomez”

Un uomo simbolo, un ex capitano ed un rappresentante storico delle sfide tra Fiorentina e Juventus come Giancarlo Antognoni ha parlato alla vigilia del big match a Lady Radio: “Noi pensiamo che la Fiorentina, dato che ci tiene moltissimo, abbia un po’ di timore; in realtà anche la Juve non viene certo con spavalderia. Soprattutto dopo il 4-2 dell’anno scorso; il pubblico poi farà la sua parte. Gli stranieri riescono a capire l’importanza della partita, anche se fino a un certo punto. Un po’ tutti però comprendono che questa partita sia un po’ diversa dalle altre. Momenti delle squadre? Buono per tutte e due, la Fiorentina è in netta ripresa dopo queste tre vittorie. La sfida arriva al momento giusto direi. La Juve è abituata a giocare sempre al vertice, però forse la partita del martedì successivo magari potrebbe condizionarla un po’. Dubbio Aquilani-Pizarro? Aquilani è un giocatore importante per questa squadra, fa parte della Nazionale d’altra parte, ed è uno dei pochi italiani per cui dal punto di vista dell’organizzazione del gioco la Fiorentina perderebbe un po’. Però con l’ex romanista avrebbe un giocatore in grado di incidere anche con qualche gol. Scossa partita da chi? Un po’ tutta la squadra ha reagito su livelli ottimali e Montella l’ha riportata a giocare in un certo modo. Un merito particolare va a lui, in virtù del ritorno al 3-5-2. Poi chiaramente un po’ tutti sono cresciuti ed il rientro di Gomez penso che abbuia galvanizzato anche i compagni. Da Gomez mi aspetto sempre il gol e in questa occasione potrebbe mettere in difficoltà i centrali della Juventus, sebbene i maggiori pericoli per loro arriveranno dalle fasce”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Caro Giancarlo anche oggi sei stato smentito. Con il napoli abbiamo perso pur giocando con il 3 5 2 e con il cagliari abbiamo giocato meglio, e segnato tre dei 4 gol, con il 4 3 3. Non è il modulo, il quale va preso in considerazione in base all’ avversario che si affronta, ma la testa e la condizione fisica dei giocatori a far la differenza, e mi meraviglio che uno come te che hai giocato a certi livelli si perda in queste banalità.

  2. Cuadrado eVargas o Alonso sullefasce e dovrebbe andare …forza ragazzi!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*