Questo sito contribuisce alla audience di

Antognoni: “Bernardeschi è nato con la Fiorentina e deve avere riconoscenza. Purtroppo questi matrimoni si fanno in due e…”

Il dirigente della Fiorentina, Giancarlo Antognoni, ha parlato a margine di una premiazione: “Pioli me lo ricordo come giocatore della Fiorentina negli anni Novanta e ho vissuto diversi anni insieme a lui quando ero dirigente. Ho un ricordo positivo di lui, sia come giocatore che come allenatore. Dove è andato ha fatto bene e mi auguro che possa fare altrettanto con noi. Bernardeschi? E’ un ragazzo che è nato con la Fiorentina, se dovesse rimanere il club viola ne gioverebbe in tutti gli aspetti. Purtroppo però questi matrimoni si fanno in due e, come ha detto Pioli deve rimanere gente veramente motivata. Credo che debba avere una certa riconoscenza per la Fiorentina“.

Intanto la Primavera è arrivata in finale Scudetto: “Una partita rocambolesca contro la Juventus e che ha dimostrato che le partite di calcio non finiscono mai. E’ andata bene alla Fiorentina e i ragazzi hanno meritato questa qualificazione e questa finale. Quest’anno possiamo gioire per la Primavera e per la squadra femminile. Ci sono diversi giovani da tenere d’occhio e mister Pioli qualcuno lo ha già identificato e lo porterà con sé in ritiro a Moena”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Neanche un bambino Re Leone scrive queste cose…ma Lotito le fa. Da allora, nessuno ha più fiatato con lui per la questione contratti.
    Mentre dove il gatto non c’è..I topi ballano.
    Comunque sì, do del mercenario a Berna, e quindi? Uno che è qui da quando ha 12 anni e neanche rinnova, (verrebbe ceduto uguale, ma otterrebbe qualche migliaio di Euro meno) per andare in una strisciata È un mercenario.

  2. Tutti felici per l’imminente cessione del nostro gioiello…….complimenti Leccavalle

  3. Premesso che sarei felice se Berna rimanesse in Viola con tutte le motivazioni del caso, premesso anche che tenerlo ancor un anno non ha nessun senso, dico questo con tutto il rispetto per Giancarlo: ma smettiamola con la storia della riconoscenza, è cresciuto ed ha giocato da noi per tanti anni, adesso (teoricamente) potrebbe diventare un top player specialmente se andasse in un grande Club abituato a vincere, inoltre gli darebbero il doppio di quello che gli possiamo offrire, ed allora per quale motivo dovrebbe rimanere? È inutile pressarlo a dare risposte, starà anche vedendo cosa si fa noi e magari starà pensando bene a fare la giusta scelta come ogni normale lavoratore. Due anni in panchina rinunciando a 40-50 milioni? Ce li metti tu tifoso?

  4. Prima di tutto non è ancora andato via..secondo chi rinuncerebbe a 40-50 milioni per ripicca e lo manderebbe in tribuna per due anni..neanche un bambino PUÒ scrivere queste cose..
    FV

  5. Sisi voglio vedere se s lavorare ti offrono 2500 euro al mese e la ditta affianco ne offre 5000 dove volete andare. Come si fa a dare del mercenario a uno che dall eta di 12 anni ha giocato solo a firenze tranne un anno in cui è stato spedito in prestito

  6. Sarò strano io ma a costo di avere meno soldi e quindi meno acquisti io quel mercenario di Berna lo terrei due anni in tribuna, senza in singolo minuto di gioco.
    Poi vedremo quanti saranno pronti a dargli 5 milioni ad un 26enne che è fermo da 2 anni.
    Sono calciatori, sono mercenari, spesso anche non particolarmente intelligenti.
    La carota con loro è sprecata, provate con il bastone. Anche più d’uno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*