Questo sito contribuisce alla audience di

Antognoni: “La gente è scontenta e io vivo male questo momento della Fiorentina. La cessione di Gila è un segnale di ridimensionamento”

“Ho passato 15 anni in maglia viola, è normale che io viva male questo momento della Fiorentina” comincia con questa frase l’intervista rilasciata da Giancarlo Antognoni a Calciomercato.com. La bandiera viola aggiunge: “La Fiorentina deve ridimensionare i suoi obiettivi, e la cosa ai tifosi non piace. Oggi come oggi l’unica cosa che si può ottenere concretamente è la salvezza. Questo è il pensiero dei tifosi che incontro tutti i giorni per strada. Sono scontenti e vorrebbero che la società lo sapesse. Il problema è che non ci sono segnali rassicuranti. Anzi non ci sono segnali e basta. La gente conta più di tutto. Loro sono l’anima della Fiorentina!”. C’ La gente è davvero scontenta. E se pensiamo che anche Vargas e Montolivo sono pronti ad andarsene, immaginate voi cosa può pensare la gente che ama la squadra viola. Il problema poi è che partito il Gila, ancora non si vede chi dovrà rimpiazzarlo. Anche perchè direi che se va via uno come lui, deve arrivare qualcuno che sia di livello, se non ancora più bravo!”. Di ritorno in società non se ne parla anche se i tifosi glielo chiedono: “Si, lo fanno anche, ma io non ho nessun contatto con la società. Nessuno mi ha cercato fino ad ora. La cosa non mi fa piacere, ma cosa posso farci? E del resto ora il mio lavoro è con la Federazione, che mi ha incaricato di collaborare alla crescita delle giovanili azzurre. A Coverciano c’è un bel da fare con i giovani. Si sta investendo molto su di loro e presto vedrete i frutti.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA