Questo sito contribuisce alla audience di

Antognoni, un ruolo il suo che deve trasformarsi in una risorsa il prima possibile

Su Calciomercato.com viene fatto il punto di come una delle note più liete della stagione in chiaroscuro della Fiorentina sia stato senza dubbio il ritorno in società ad inizio gennaio di Giancarlo Antognoni. L’ex capitano e bandiera viola è tornato nella realtà dove si è affermato come uomo e giocatore attraendo verso di se l’amore dei tifosi gigliati che non hanno smesso mai ne’ di ricordarlo e di tributarlo a dovere in ogni occasione. Chiamato a lavorare in stretto contatto con la presidenza della Fiorentina, con compiti di rappresentanza, sia sportiva che aziendale, e di collaborazione allo sviluppo delle attività sociali e promozionali in primi sei mesi dietro ad una scrivania Antognoni ha mostrato la sua consuetà professionalità e sincerità nel comunicare ai media i piani e le dinamiche della Fiorentina, per la quale molti si auguravano che potesse prenderne più parte possibile. La sensazione di molti è infatti che una figura come quella dell'”Unico 10″ debba essere sfruttata ancora di più da parte della Fiorentina, dato che in pochi all’interno del club gigliato conoscono bene il calcio e tutti i suoi particolari come Antognoni. Ragion per cui, dopo un periodo di ambientamento nella società viola dalla quale mancava come dirigente dal 2001, e più precisamente dal momento dell’esonero di Fatih Therim da parte dell’allora presidente Vittorio Cecchi Gori, è importante che un profilo come il suo, grazie anche all’esperienza maturata da capo delegazione dell‘Italia Under-21, possa tornare ad occuparsi in prima persona della gestione della squadra e non solo da collante o figura di rappresentanza dei viola. Calciomercato.com conferma quindi quanto trapelato in questi ultimi giorni su varie testate, secondo le quali, a partire da giugno, Giancarlo Antognoni acquisterà più poteri all’interno della società viola. Poteri gestionali da impiegare all’interno di tutto quello che riguarda la costruzione della squadra che verrà per la prossima stagione. Così, con la sua lungimiranza, il “ragazzo che guardava le stelle” potrà finalmente mettersi all’opera per scoprire e regalare alla Fiorentina e ai suoi tifosi dei nuovi astri nascenti del pallone…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Enrico TV , con il nuovo gruppo ma quale e ci sono ancora il Gnigni e Corvino e te lo chiami nuovo gruppo , nuovo gruppo se al posto del Gnigni e di Corvino ci fosse Salica e Sartori e allora si che potresti dire nuovo gruppo ,finche ci saranno Gnigni e il Corvo Antognoni non avrà voce in capitolo , ha fatto un nome Locatelli e infatti il Corvo prende Taider e il Francese del Nizza ecco come viene considerato dail gatto e la volpe Antognoni.

  2. Fuori dalle balle i della valle

    Antonio non puó cambiare le sorti della Viola.. i tempi di Caso, Desolati, Roggi, Guerini sono finiti. I campionati oggi non si vincono con un pugno di giovani e basta. Ci vogliono anche campioni come quelli del Napoli o Roma. E con i dellaballe e il grassone che non sa parlare non arriveranno mai!!

  3. Credo che abbia già iniziato il suo lavoro e con il nuovo gruppo che si creerà potrà avere un ruolo più centrale anche per la squadra..
    Sul mercato vedo scalera e Castrovilli come due ragazzi indicati da lui, anche se il secondo era già stato provato prima di lui ma le parole spese sono state importanti..
    In ogni caso il suo ingresso in società è stato un bel colpo, forse sottovalutato da molti.. Quel che è sicuro è che non sarà uno scudo, affibbiargli quel ruolo sarebbe una totale mancanza di rispetto verso la sua intelligenza.. Se è qua è per fare qualcosa di utile

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*