Aquilani: “Contro il Milan episodi clamorosi”. Montella: “La prossima volta facciamo arbitrare lui”

“E’ impossibile parlare di questa partita senza parlare di questi episodi”. Così Alberto Aquilani al termine di Sassuolo-Milan, gara condizionata da tante decisioni arbitrali dubbie, dal rigore irregolare di Bacca ai rigori non dati al Sassuolo. “Sono episodi clamorosi che hanno condizionato l’andamento della gara – spiega l’ex Fiorentina a Sky -, 3-4 episodi clamorosi, io non lo tocco proprio qui (parlando del rigore dato al Milan, ndr), mi ha ammonito perché ha dato fallo mio ma non lo tocco proprio. E’ antipatico parlare dell’arbitro, perché possono sbagliare, pero oggi è talmente clamoroso che non si può non parlare”.

A questo punto è arrivato in collegamento all’emittente satellitare anche Vincenzo Montella, e i due ex viola e ex compagni hanno dato luogo a un simpatico siparietto (per chiarezza, sempre col sorriso sulle labbra, senza apparente polemica). Il tecnico rossonero rispondendo al commento precedente di Aquilani ha risposto così: “La prossima volta gli diamo il fischietto così arbitra lui”. E’ arrivata subito la risposta del centrocampista: “Oggi era difficile sbagliare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. gara da ripetere, il sassuolo faccia ricorso!! basta con questi furti!!!

  2. Calvarese nn si smentisce mai. È quello di Fiorentina-Napoli con espulsione di Cuadrado per simulazione (!!!) c’erano un par di rigori.
    Ridicolo !!! Lui e Bacca, mai visto tirare un rigore come il suo in serie A.

  3. X me son tutti d’Accordo,Berardi che ga tirato fuori il rigore. Aquilani che ha fatto il fallo…. L’arbitro che x sfortuna non ha visto il doppio tocco ma poi non ha concesso altri 2 rigori x il Sassuolo. Poi vanno a fare queste commedie in sala stampa.. Ricordo che Calverese non ci fischio rigore su Cuadrado in Fiorentina Napoli addiritura ammonendolo. Poi Squinzi Tifava Milan e ho detto tutto.

  4. Redazione: la gara può essere annullata e ripetuta?
    Bisognerebbe leggere il regolamento, ma non crediamo. Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*