Questo sito contribuisce alla audience di

Arbitri e limiti di squadra

NetoSenza stare a scomodare ridimensionamenti o catastrofismi fuori luogo, stile Maya, cerchiamo di analizzare lucidamente la sconfitta della Fiorentina ad Udine, partendo dalle decisioni arbitrali.

Abbiamo voluto vedere e rivedere quello che è accaduto per giungere alla conclusione che in tutte le azioni che contano sono state sbagliate. Domizzi è in fuorigioco clamoroso quando riceve la palla da Pereyra in area di rigore viola. Migliaccio probabilmente non lo tocca (questo resta l’unico dubbio), ma a quel punto è tutto ininfluente perché l’azione è viziata da offside. Di Natale doveva essere espulso per il ‘calcetto’ rifilato ad Aquilani prima della battuta del rigore: il regolamento parla chiaro, basta anche accennare ad un gesto violento per essere espulsi e l’attaccante dell’Udinese tra l’altro colpisce il centrocampista della Fiorentina. E poi di calcetti ormai ce ne intendiamo perché per un gesto simile, Cerci è stato cacciato (giustamente) nella partita con la Juventus dell’anno scorso. Ciliegina sulla torta, nell’azione del 2-1 Di Natale parte in fuorigioco ed è un gol da annullare. En-plein!

Archiviato il capitolo arbitro, arriviamo a vedere quella che è la squadra di Montella, alla quale mancano Portiere e centravanti. Né Neto, né Viviano garantiscono affidabilità al 100%; è chiaro che un errore ci può sempre stare, ma è anche vero che c’è un rapporto tiri degli avversari e reti segnate davvero imbarazzante. Tranne Viviano a Parma non è possibile ricordarci di una qualche parata sopra le righe di questi due estremi difensori. Ma dall’altra parte manca anche un centravanti; per qualche gara questa carenza è stata ‘mascherata’ dal gioco di squadra, ma gira e rigira…Larrondo non può essere la soluzione, Toni, ottima riserva, non è il titolare inamovibile che serve in quel ruolo. Ci sono 18 giorni per colmare queste lacune.

Ultima annotazione: a me non interessa solitamente chi commenta la partita e non sono neanche uno di quelli che vedono complotti o cronache anti Fiorentina a destra e a manca, ma che dopo 15 replay nessuno tra Dario Massara e Franco Causio si sia accorto del fuorigioco di Domizzi lascia veramente basiti!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

52 commenti

  1. Mercoledì ….. attenti all’arbitro, chiunque sia …….

  2. Patetico andare a cercare errori arbitrali (che ci sono per tutti) come rifilarci la solita solfa dell’attaccante (e ora anche portiere) che mancherebbero. La verità è che si vuole giocare in maniera “spensierata” dimenticando che noi non siamo il Barcellona (e davanti non abbiamo Messi) e il campionato italiano non è quello spagnolo. Le grandi squadre sono quelle che stanno prima attente a non concedere occasioni da goal agli avversari. Il resto son discorsi…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*