Questo sito contribuisce alla audience di

Astori: “Squadra ha dimostrato meno di quanto vale. Gonzalo? Spero resti, ha dato tanto alla Fiorentina. Berna e Chiesa…”

Davide Astori, difensore della Fiorentina, ha parlato a Radio Sportiva a tutto tondo della situazione viola:”A Crotone sarà una partita difficile, loro sperano nella salvezza, noi abbiamo l’ultima speranza per restare agganciati all’Europa. Ci abbiamo sempre creduto, sappiamo che è difficile, dovremo perdere meno punti possibile e sfruttare gli scontri diretti. La nostra posizione in classifica? L’anno scorso abbiamo fatto vedere molto di più. Ci manca qualche punto, ma il campionato è lo spettro del valore della squadra, abbiamo dimostrato meno di quello che valiamo. Il bello del calcio è questo, se andiamo bene lo stadio è una bolgia. Accettiamo contestazione e fischi. Mister Sousa? L’immagine di tutti i giorni del mister è sempre la stessa. E’ normale che qualcosa sia cambiato dopo l’eliminazione dall’Europa League a livello di atteggiamento, ma non abbiamo mollato. Voglio finire bene il campionato, al termine della stagione parleremo poi del futuro. Gonzalo via? Sarei dispiaciuto del suo addio. Ha dato molto a tutti noi e alla Fiorentina negli ultimi anni. Mi sento un giocatore importante per la squadra, società, compagni e gente mi hanno fatto capire questo. Bernardeschi è maturo e sta dando il 110% per la Fiorentina; Chiesa lo stesso, sta diventando un top player, il futuro è dalla loro parte. Meritavamo di passare col Borussia, mi sogno ancora quella rimonta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Astori un discreto difensore e nulla più; la cui prestazione cala paurosamente in assenza di Gonzalo.. Un grande limite che ne occlude il salto di qualità…Tuttavia ha l’attenuante che si vede costretto a difendere la porta di un estremo mediocre privo di personalità quale è Tata…La colpa è chiaramente di Sousa che nega la titolarità a Sportiello

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*