Avv. Rigo a FN: “Ce ne fossero di club come la Fiorentina, Babacar è onorato di farne parte. Il suo piano è imporsi a Firenze”

Dopo il gol al Bologna si è tornati a parlare della posizione di Khouma Babacar, tanto esaltante dal punto di vista statistico, con una media realizzativa invidiabile, quanto in dubbio in relazione al futuro, visto il poco spazio a disposizione. Il senegalese ha sempre dimostrato grande attaccamento alla città e alla Fiorentina, tanto che l’avvocato Vittorio Rigo, figura molto vicina all’entourage dell’attaccante, ha descritto uno scenario incoraggiante a Fiorentinanews.com.

Il gol al Bologna può cambiare il futuro di Babacar a Firenze?
“Non saprei se può cambiare qualcosa questo gol, il rapporto era già buono e non ci sono problemi o difficoltà. La Fiorentina ha fatto un investimento importante tenendo il ragazzo, sono dinamiche che vanno aldilà della singola stagione, Babacar è sempre stato molto legato a Firenze. Quando c’è un matrimonio tra due parti che hanno la stessa intenzione, credo che si possa andare avanti a medio o lungo termine”.

C’è un po’ di frustrazione in Babacar, che gioca poco ma segna molto spesso?
“È umano desiderare di giocare di più, tutti vorrebbero farlo. Purtroppo in campo ne vanno solo undici, è sotto gli occhi di tutti che se ci sono altri che meritano di giocare, è giusto che lo facciano. Sono logiche che appartengono a tutte le squadre del mondo. Un ragazzo come Babacar, con l’età che ha e l’ambizione di diventare un giocatore importante, contribuisce anche dalla panchina o negli allenamenti. Come domenica quando è entrato dopo alcune panchine consecutive; spesso da chi viene impiegato per poche frazioni di tempo ci si aspetta che cambi e sconvolga l’andamento della partita, ma non è sempre così. Babacar è onorato di essere in una società come la Fiorentina, ce ne fossero anzi di club così”.

Il cambio di panchina all’orizzonte è una prospettiva allettante?
“Il rapporto è sempre stato buono anche con Sousa. Baba le sue partite le ha disputate e quando gioca ha fatto bene, deve farsi trovare pronto da qualsiasi allenatore. E’ solo con prestazioni come quella di domenica che può ambire ad essere impiegato di più. Ce ne sono tanti magari che vorrebbero avere i problemi che ha Sousa, nell’avere più di una scelta. Così come ci sono diversi club che farebbero follie per averlo”.

La Fiorentina, in definitiva, è il club giusto per continuare a crescere?
“Assolutamente sì. E’ una piazza ideale per un giovane come Babacar, che ha 24 anni, per crescere senza le pressioni che ci sono da altre parti. Allo stesso tempo la Fiorentina rappresenta una società che se la può giocare con tutti, di vertice, che fa le coppe europee. Vuol dire non giocare solo in campionato e nella coppa nazionale ma su tre competizioni. L’ambizione di Babacar è quella di poter dare di più alla Fiorentina stessa. Il suo piano non è quello di andare via”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Certo che Babacar non vuole andare via, con quello che prende ogni anno! Babacar anche nel mercato di gennaio era in vendita ma nessuno l’ha cercato. Altro che quello che dice Vittorio Rigo. E’ che non lo vuole nessuno considerata la scarsità del giocatore. Purtroppo la Viola se lo deve ancora subire per molto! Un milione e mezzo di euro di ingaggio all’anno chi glielo darebbe?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*