Baba, una settimana di lavoro per risalire le gerarchie

BabacarLazio3

Due partite e zero presenze. Questo il bilancio dell’inizio di stagione di Babacar. Quella iniziata due settimane fa doveva (e deve) essere la stagione del grande lancio di Babacar tra i titolari della Fiorentina. Il suo rinnovo è stato chiesto a furor di popolo così come il suo impiego. Già l’anno scorso il senegalese aveva giocato qualche gara in più del solito ma è stato fermato da alcuni problemi fisici. Quest’anno non ci dovevano essere dubbi: gioca lui. Punto e basta. Invece Paulo Sousa è stato di un altro parere e nelle prime due giornate ha sempre schierato dal 1′ il “veterano” Kalinic complice le 4 partite che aveva già sulle spalle. A non convincere non è stata la determinazione di Baba bensì la sua condizione fisica, ancora un po’ appesantita dalla preparazione. Adesso però per il numero 30 viola si presenta una ghiotta occasione: una settimana piena per poter lavorare a stretto contatto col mister senza il “rivale” croato di mezzo. La sfrutterà? La risposta sabato prossimo contro il Genoa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Ve la do io la risposta, gioca sempre Kalinic, a meno che, al rientro dalla nazionale, Sosa non lo veda un poco stanco; Kalinic è il centravanti richiesto dall’allenatore e lui sarà il titolare, a meno di infortuni o squalifiche. Babacar il prossimo anno, se rimarrà Sosa, chiederà di essere ceduto, non può stare a fare la riserva un’altro anno. Lui è una punta atipica, non centrale come Kalinic, come ho già detto, fa un gioco diverso e potrebbe benissimo giocarci insieme, abbisogna di una punta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*