Babacar, i conti non tornano

Babacar cerca di prendere palla a De Rossi. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com
Babacar cerca di prendere palla a De Rossi. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

In una Fiorentina asfittica in fase offensiva (solo tre squadre hanno fatto peggio dei viola in quanto a reti realizzate) c’è un’eccezione, un giocatore che sta trovando la rete con una continuità che fa ben sperare: si chiama Khouma El Babacar, autore di un gol ogni 75 minuti (dato tratto dal Corriere dello Sport-Stadio). Due reti in campionato, contro Udinese e Torino nell’ultima giornata, e due gol pure in Europa League contro il Qarabag. Dietro di lui il vuoto o quasi.

Eppure Babacar non è ancora un punto fermo di questa squadra. Molto spesso Sousa ha deciso di partire con un’unica punta effettiva di ruolo, imbottendo la sua formazione di trequartisti ed esterni dalla propensione offensiva. Non si vuol rinunciare a Kalinic? Opzione comprensibile, ma è anche vero che i due, il croato e Babacar per l’appunto, hanno già dimostrato di sapersi integrare bene. La gara con l’Atalanta, alla ripresa del campionato, permette di poter osare qualcosa in più e quindi…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. La soluzione ideale al momento sarebbe il 3-5-2 con borja arretrato a centrocampo e babacar kalinic in avanti. In questo modo l’unico fuori ruolo sarebbe bernardeschi che comunque sulla fascia destra se la cava meglio di chiunque altro in questa squadra.

  2. … e quindi ci ritroveremo solo Kalinic mentre Ilicic e Borja faranno i “creatori” e i “suggeritori” della “splendida” manovra viola … peccato, perché l’Atalanta non sarà il Quarabac!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*