Badelj: Il caso può finire già a gennaio. La Fiorentina crede di avere l’erede già in casa…

Badelj affronta Montolivo a centrocampo. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com
Badelj affronta Montolivo a centrocampo. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Il caso Badelj potrebbe giungere al capolinea già a partire da gennaio. Su La Nazione si legge che il centrocampista croato è conteso da Milan e Chelsea. L’ex giocatore dell’Amburgo potrebbe portare nelle casse del club un bel pacchetto di milioni di euro e, fra l’altro, secondo il club viola, all’interno della rosa c’è già quello che Sousa può considerare come il suo erede naturale: Cristoforo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. l’erede vero è Petriccione, a meno che non lo regalano come Capezzi.

  2. Questo a gennaio parte, bene e meno male, lui e il procuratore ci hanno nauseato.
    Se il sostituto c’è l,abbiamo in casa perché il genio portoghese perde tempo e non lo fa entrare????

  3. Sono d’accordo e poi cedere ilicic. Kalinic e fare una bella seduta di.15 giorni con il piede destro al fatidico Muro perché anche il destra ha una funzione. .. del resto anche radice.fece.fare a Batistuta a j Suo tempo

  4. Il discorso che allenatore e squadra sono senza motivazione e determinato da due cose
    1 x tutta l estate tutti i giocatori erano in vendita
    2 non esistono veri e propri obbiettivi (senza obbiettivi non si fa niente)

    Il calo dell anno scorso era dovuto esclusivamente da quando cognigni disse in Champions non dobbiamo andarci
    Da quel punto in poi allenatore in primis hanno gettato la spugna
    Ma vi rendete conto che é lo società stessa che blocca le nostre ambizioni e sogni di tifoso????????

  5. Si va bene la società ha le sue colpe ma,anche l’ allenatore ci mette del suo. Perché si ostina a far giocare atleti svogliati? Quelli che non sposano la causa della viola devono accomodarsi on panchina. Ci sono giocatori che hanno contratti in scadenza a giugno 2018 e già pensano al mercato ma che c…di professionisti sono.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*