Bagni a FN: “Il Napoli è più forte e arriverà davanti ma la Fiorentina per la Champions c’è. Sousa sta crescendo ma Sarri ha l’attacco più forte di tutti”

A Napoli per quattro stagioni, in tempo per vivere l’inizio dell’epopea Maradona, Salvatore Bagni è stato anche una colonna della Nazionale azzurra a metà degli anni ’80. Poi reinventatosi dirigente, come consulente degli stessi partenopei ma anche di Lazio e Bologna, oltre che commentatore televisivo. A Fiorentinanews.com Bagni parla della sfida clou dell’ottava giornata, con la Fiorentina impegnata proprio al “San Paolo”.

Che partita sarà quella tra viola e azzurri?

“Una partita tra 2 squadre che giocano, non pensano a difendersi, sono propositive e fino alla sosta erano entrambe in un momento ottimo. La Fiorentina lo è stata sin dall’inizio, a parte una sconfitta, mentre il Napoli dopo la gara con il Bruges non ha più sbagliato niente, trovando una quadratura importante. E’ una squadra più coperta, più equilibrata e poi è devastante perché davanti non vedo formazioni migliori”.

E’ stato la crescita difensiva la chiave di Sarri?

“E’ più questione di equilibri perché la difesa era troppo scoperta prima, esposta alle ripartenze degli avversari perché 4 uomini offensivi non si possono regalare. Ora Sarri gioca con i 3 davanti ed uno in più nel mezzo. Ma la difesa del Napoli è comunque molto alta, con reparti però più corti”.

La parola “scudetto” è tabù per entrambe ma a Napoli ci credono un po’ di più forse?

“Con tutto il rispetto ma il Napoli è più forte, la Fiorentina è una sorpresa. Sono due realtà in sintonia perché tutte e due le tifoserie si lamentavano del mercato; erano stati fatti acquisti non di grande calibro però poi hanno visto giocare le squadre e hanno capito che con certi giocatori, anche senza i grandi colpi, si riesce a giocare un bel calcio, facendo risultato”.

Dove immagina realisticamente la Fiorentina a fine stagione?

“Penso che possa lottare per i primi tre posti ma non voglio farmi trascinare solo dai risultati iniziali. Montella aveva raggiunto risultati concreti mentre Sousa sta salendo gradino dopo gradino. Lo conosco, è una persona gentilissima e perbene. Ora è arrivato a Firenze, che non è una piazza così semplice, e si è imposto subito molto bene. La squadra lo segue in tutto e per tutto, è stato molto bravo. Direi però che il Napoli a lungo andare è destinato ad arrivare davanti”.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. mai dire banzai

  2. Intanto saluta la capolista.

  3. spero solo che la viola faccia attenzione alle ripartenze del napoli, dopodiché ce la giochiamo anche se il fattore campo avvantaggia il napoli, ma non come dice questa frana di commentatore che il napoli è più forte.

  4. marcolucania1973

    INTANTO SALUTATE LA SIGNORA CAPOLISTA !!!! ……… E SIETE A MENO SEI (- 6 !!!!!!!). AUGURI …………

  5. Caro Bagno, sei stato un buon giocatore, ma come critico sportivo sei una frana, non spiego il perché, basta leggere i commenti sopra scritti, non dico datti all’ippica , perché ci sei già.

  6. Pinarcampoverde

    La sorpresa è chi fanno le domande e pure le capisci.

  7. Il Napoli nella sosta aveva 5 giocatori in nazionale, la Fiorentina 11, inoltre i non nazionali viola si chiamano Pasqual (che se non era infortunato magari era anche lui in nazionale) Alonso, Gonzalo Rodriguez, Borja Valero, Suarez, Vecino e Rossi, l’anno scorso siamo arrivati davanti al Napoli in campionato ed uguali sia in EL e coppa Italia, quest’anno dopo 7 giornate siamo 6 punti avanti che, anche perdendo, saranno comunque sempre 3, non vedo come si possa dire che il Napoli è più forte…

  8. Aaassseefaa… Pirlo proprio pi pi pi rlo ma guarda guarda cosa fa e poi… E poi poi poi.

  9. Il bello del calcio è anche questo,la squadra meno attrezzata può anche vincere lo scudetto..

  10. E i che deve dire!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*