Battistini: “La finale di Coppa Uefa con la Juve mi pesa ancora tanto. Dunga era già un leader, Baggio ragazzo eccezionale”

Sergio Battistini, ex giocatore della Fiorentina dove ha militato nel quinquennio 1985-90, ha parlato dei suoi trascorsi in viola al mensile Calcio2000: “Il primo anno non sono andato tanto bene. Ero abituato alla nebbia, a Milanello, un luogo isolato, quasi un collegio. A Firenze sono finito in centro, in una città molto aperta e gioviale. All’inizio è stata dura per me. Poi, però, ho iniziato ad abituarmi e, alla fine, ho conquistato anche la fascia di capitano a Firenze. Finale di Coppa Uefa persa con la Juve? Mi pesa ancora tanto. Credo che, nelle due partite, noi avevamo fatto bene, potevamo anche vincere ma è andata così. Purtroppo avevamo qualche problema, nonostante dei giocatori importantissimi in rosa, penso a gente come Roby Baggio e Dunga…Difficile dire qualcosa di originale su Baggio. Qualità enorme, ragazzo eccezionale. Dunga era già un leader a quell’età in campo. Guarda, io ero il capitano di quella Fiorentina ma, in realtà, in campo si sentiva tanto la leadership di Dunga. Non a caso, poi ha vinto un Mondiale e è diventato il Ct del Brasile“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Io ero piccolo ma me la ricordo quella cavalcata strepitosa.In particolare mi ricordo la partita di Dunga contro la dinamo kiev,strepitoso.Mai visto un medioano cosi forte,forse Veron e’stato ai suoi livelli.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*