Beha a FN: “Gennaio, una botta troppo grossa per Sousa e la Fiorentina. Buttata via occasione incredibile per eccesso di autolesionismo. E Diego Della Valle…”

Paulo Sousa e Diego Della Valle è intorno a questi personaggi che ruotano le vicende della Fiorentina. E’ sicuramente convinto di ciò, il giornalista, scrittore e tifoso viola, Oliviero Beha, con il quale Fiorentinanews.com ha deciso di fare una chiacchierata sui temi caldi del momento.

Sousa-Fiorentina è un rapporto definitivamente deteriorato per lei?

“Il nocciolo è che ci sono ancora i postumi di quello che è successo l’anno scorso. Sousa in sé è un ottimo allenatore e ha avuto il grande merito, per esempio, di far crescere Bernardeschi. Ci si può augurare che Diego Della Valle, perché Andrea lo farebbe ma decide il fratello, si regoli diversamente in presenza dello stadio e di altre prospettive. Ma quello che è accaduto nel gennaio di quest’anno è stata una botta troppo grossa. Non l’ha assorbita Sousa e non l’ha assorbita la squadra. Su Bernardeschi non è che abbia detto una balla, il problema è che nell’ipocrisia che regna nel calcio, non lo doveva dire ma doveva dire vinceremo domani. Sul piano pratico, che lo dice a fare, visto che lo sanno tutti? E’ solo coerente col suo malessere che si porta dietro da gennaio di quest’anno. Per me Corvino si sta muovendo bene, intendiamoci, ma il vero chiarimento non doveva avvenire tra il direttore generale e l’allenatore, ma tra Diego Della Valle e Paulo Sousa, cosa che invece non è accaduta. Siccome Sousa è troppo importante per le vicende della Fiorentina, DDV doveva prendersi un suo bell’aereo e incontrarlo in gran segreto. E’ tanto bravo come manager Della Valle, perché non ci ha pensato a farlo?”.

Ma se un allenatore si trova così in disaccordo con la società, perché non si è dimesso?

“Si poteva dimettere, è vero, ma quanta gente si dimette in Italia? Mi auguro che ci sia spazio affinché le parti possano riparlarne, perché a me piace Sousa, bravo come tecnico al pari di Montella e Prandelli che lo hanno preceduto, ma che mi dà, a differenza loro, anche l’idea del vincente. Però deve essere anche messo in condizioni di fare bene il proprio lavoro. Io mi mangio le mani per il fatto che la società non abbia messo i soldi per completare la squadra l’anno scorso quando eravamo primi in classifica. Di errori ce ne sono stati tanti, ma era capitata la fortuna del primo posto…e invece è stata buttata via un’occasione incredibile per eccesso di stupidità e autolesionismo. E ora se ne pagano ancora le conseguenze all’interno di un campionato che vede la presenza della sola Juventus sopra a tutte, mentre le altre sono di un livello che potrebbe essere abbordabile per una buona Fiorentina. Non c’è stato rispetto per la passione dei tifosi, del resto mica gliel’ha ordinato il dottore ai Della Valle di prendere la squadra”.

Riallacciandosi all’ultimo libro che ha scritto (“Mio nipote nella giungla” Chiarelettere editore) se paragono questo calcio ad una giungla, sbaglio?

“Il calcio è una giungla. E se parliamo della giungla della società italiana con tutte le distorsioni che ci sono, non mi meraviglia affatto. Il calcio era nato come ricreazione dalla giungla invece è diventato, fra scommesse, partite truccate, fondamentalismo del denaro, parte integrante della giungla stessa. L’unica logica che regna è quella del denaro ed è uno sport ingannevole perché raggira la passione dei tifosi”.

Da dove è nata l’esigenza di scrivere un libro così?

“Dal fatto che non si vede il futuro, perché c’è tutta una muraglia da superare. Ho avuto un nipote e questo fatto mi ha ispirato la nascita di questo libro”.

beha-copertina-libro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20 commenti

  1. L’ho scritto molte volte che sono un vecchio tifoso e che anch’io , come tutti, ho le mie idee sulla società , sul l’allenatore , sui moduli, sui giocatori , sul tifo su i giornalai fiorentini sul diritto di protestare disapprovando o approvando. In questo non sono diverso da molti che qui sfogano il loro disappunto. C’è però un piccolo ma , che credo mi differenzia da altri con i quali spesso mi accapiglio. Sto parlando del “ruolo”. Nonostante la lunga premessa io mi ritengo “solo” un tifoso che molti definiscono a ”
    Prescindere “. Non ho una esagerata opinione di me, come per esempio,S69, AceBati, bibi , Fradiavolo , uomoscanner , solo,per nominare quelli che mi vengono ora, in mente. La lunga militanza mi rende prudente e scettico sulle soluzioni prese o,proposte sull’onda del l’emozione del momento senza contare che spesso questi tifosi TAFAZZIANI oggi dicono una cosa poi ne dicono un’altra . Dopo,aver infamato un “tale” lo inneggiano e rimpiangono senza vergogna. E poi le competenze ? Ma chi credono di essere per dare dell incapaci ai : Della Valle, Sousa, Corvino, Gignigni, Iliacic Tomovic ECC. ????? E poi a riprova della pochezza ,i fatti di Giovedì che nessuno poteva prevedere che il giovane portier italiano che ben aveva fatto prima , desse poi una prova di se così scadente non era previsto da nessuno e ora tutti pronti a dare la,responsabilità a Sousa? . Vengo finalmente al punto. Tutti vogliono cacciare Sousa reo di aver perso con i Pochk . Ora lo si può,accusare di moltissimi misfatti, ma abbiamo perso perché abbiamo sbagliato 3/4 gol incredibili, non ci è stato dato almeno un rigore e del portiere colpevole di aver regalato almeno due gol abbiamo già detto. E ora la,lunga fila di chi sa, ( con la classe dei giornalai più scadenti d’Italia in testa) e che grida via Sousa si è fatta imponente e alla fine riuscirà nel loro,intento. Chi verrà ? Uno del quale si dice un gran bene ( francamente i nomi che circolano mi sembrano tutti, tutti molto scadenti con esperienze molto, ma molto più scadenti di Suosa . si ricomincerà da capo, con un nuovo progetto ( ma che vuol dire lo usano tutte le squadre di serie A che sono scostrette a cambiare l’allenatore il quale sarà vomitato dai Tafezzani sui DV alla prima occasione. Sono stufo di troppi di voi , la Mediocrità culturale e del livello dei tifosi sta andando sempre più verso il nulla e io che amo la Fiorentina , mi sento perduto. Oh ragazzi atiamo,parlando del gioco del calcio!!!!!!!!!

  2. L’anno scorso la Juve era quasi in fondo alla classifica..poi sappiamo come andata..nn ho sentito Allegri sminuire l’ambiente..oppure un giocatore
    ..noi siamo meglio della Juve l’anno scorso..nn va bene mai nulla..per forza nn vinciamo..ci sottovalutiamo..i primi a nn crederci siamo noi..
    ..

  3. Sousa un vincente? Se lo fosse non avrebbe mollato e portato la squadra a fare risultati ridicoli. E non direbbe assurdità che puntano a distruggerci. La società è ridicola per molti aspetti ma chi allena è lui.

  4. Ma per favore,ma fatemi il piacere. Sta a vedere che un mancato acquisto a gennaio scorso condiziona un intera annata calcistica. Ma dove???? Se fosse vero ciò,allora Sousa e quei calciatori che stanno ancora rimuginando su l’anno scorso,penso che non siano da serie A,anzi non sono buoni per nessun campionato maggiore di nessuna nazione,neanche quello della Finlandia. E poi,dite a quei calciatori,se veramente c’è qualcuno che è rimasto deluso dallo scorso gennaio ed ancora non si è ripreso,che se durante la campagna acquisti la Viola ingaggia quattro o cinque campioni,quelli che giocano adesso vanno dritti in panca,o magari anche in tribuna. E dite anche a Sousa che se un allenatore è fortissimo e degno di allenare un top club,lo si vede quando porta una squadra a superare le ambizioni iniziali,come fece Sarri ad Empoli,non certo quando allena una squadra che gli mette a disposizione una rosa di fenomeni e poi magari padella la stagione,tipo Mancini all’Inter. Vaia,vaiaaaaaaaa,ridicoli.

  5. Io non vedo l’ora che venga sostituito Sousa cosi i ridicoli e piccoli tifosi fiorentini fra 3-4 mesi saranno ancora qui a smerdare il suo successore. Il motivo ? Semplice, perchè ancora non hanno capito una s..a come gira il mondo.

  6. Fracazzo da Velletri

    Questa certezza che ha Beha e tanti commentatori sul fatto che con due /tre acquisti a Gennaio la fiorentina avrebbe fatto un salto di qualità oggi ,alla luce dei tanti eclatanti errori di Sousa e del suo staff ,io non l’avrei.
    Chi dice che L’allenatore non conta o conta poco evidentemente non vuol vedere ne capire!!

  7. lucabilly1963, da Atene, Grecia

    Concordo totalmente su quanto detto da Beha.

  8. Vi fa tanto male eh Beha quando parla ! che gobbaccio ! vuole il male della Fiorentina, come Prandelli,Montella,Sousa e come tanti altri che non leccano ai DV !

  9. Contabile, i fiorentini poverelli pensavano che con l’ avvento dei ricconi diventavano il Barcellona. Ma non hanno fatto i conti che i marchigiani se cacciano una lira la rivogliono doppia. Certo per loro e’ stato un brutto risvegliarsi, bisogna compatirli.

  10. E bravo il Beha. Fa pubblicità gratuita al suo libro grazie alla gentile collaborazione dell redazione. Se la deve passare proprio male poverino!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*