Beha: “Ebbene sì, è una squadra! Ma mi tengo i miei dubbi sul famoso progetto”

Beha2

Beha2

Il giornalista e tifoso della Fiorentina, Oliviero Beha, fa il punto in casa Fiorentina dopo la vittoria dei viola a Milano contro l’Inter: “Avevo scritto dieci giorni fa, dopo il Basilea, “aspettiamo per giudicare”. Non abbiamo dovuto aspettare molto. Questa è una squadra, con i suoi pregi, difetti e limiti come tutte, ma al momento non inferiore alle altre, anzi. In fondo, finora ha sofferto solo mezz’ora a Torino per non aver chiuso la partita prima, e dopo la valanga granata non aver saputo reagire. Ma quando c’è stato bisogno di giocare, come ieri al Meazza, ha giocato eccome. Sembra uno di quei tennisti forti messi fuori palla dai pallettari e invece al meglio quando devono rispondere ai tennisti che la palla la “tirano”. Ho criticato finora l’opacità del progetto Della Valle bros. Fino a prova del contrario su questo non cambio idea. Ma di certo l’allenatore è stato azzeccato e ha costruito un’identità riconoscibile in campo e fuori in una stagione di livello basso in cui teoricamente si può e si deve sognare. Pensate se si arrivasse tra i primi tre, le entrate della Champions…! Lo dico per l’economicismo del club, dei Rogg e dei Cognigni… E complimenti a dirigenti e Sousa per aver azzeccato Kalinic, rispolverato il vero Badelj e aver dato a tutti finora una possibilità. Adesso ci manca solo che Kuba torni Kuba, che Rossi stia bene e che magari perfino Verdù faccia il suo. Il tutto con i piedi per terra”.

Visita la zona viola sul sito di Oliviero Beha

© RIPRODUZIONE RISERVATA

37 commenti

  1. BIPOLARISMO PER ECCELLENZA. Anche lui CICLOTIMICO. In psichiatria e psicologia clinica la ciclotimia è un disturbo dell’umore, caratterizzato da periodi alternanti di depressione e di ipomania.

  2. Vorrei dire ai simpatizzanti di questo giornalista che ha vissuto l’apice della sua carriera quando il processo del lunedi di biscardi era la trasmissione dove il tema non era il calcio ma si serviva del calcio per fare un programma basato sulle urla la polemica fine a se stessa e avolte 1qualche insulto metteva la ciliegina sulla torta..poi la gente si e stancata di quel modo di parlare di calcio e beha che era perfetto per quel tipo di programma nessuno lo ha più chiamato a parlare di calcio,

  3. dopo quello che si e visto a san siro tutto quello che questo giullare acido riesce a dire che e solo una squadra….!!!??? e te dici di essere un tifoso della fiorentina..!!?? cosa c’e che non ti convince il fatto che non hai capito una mazza di quello che stavano facendo..”

  4. @jerac
    E si caro Jerac, le cose stanno proprio come le hai ben descritte, solo desidero aggiungere che non è solo lui in questa situazione ,ma almeno il 60 % dei giornalisti italiani e i 90%!di quelli fiorentini nonché tutti i Social toscani .

  5. Povero Beha, gli si prospetta un bel dilemma: tifare per la Fiorentina e gioire per le fortune della squadra del cuore o sperare in un ridimensionamento e conservare un minimo di credibilità nel suo lavoro di opinionista? Dopo quello che ha detto in passato se la squadra, non dico vince, ma lotta per per lo scudetto per un certo periodo la sua reputazione va in frantumi. A volte é bene pensare più a lungo prima di lasciare correre in modo sfrenato la lingua.

  6. facile è ………………………….

  7. Cominciavo a stare in pensiero…..tutto bene sig. Beha??????????

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*