Questo sito contribuisce alla audience di

Beha: “I fiorentini non vogliono essere presi in giro. E se hanno capito qual è il progetto forse non sei così furbo, Batman…”

Nuova puntata e nuova delusione per la Fiorentina in campionato. Un tonfo che fa rumore quello col Lecce e che viene analizzato a fondo da Oliviero Beha nel suo punto settimanale pubblicato da Il Fatto Quotidiano: “Sostituite il sostantivo “progetto” a “percorso” e sarete arrivati in fondo alla delusione e all’incazzatura dei fiorentini (molto pericolosa perché non vogliono essere presi in giro) diffusa ormai in dosi industriali. Anche qui ovviamente il nocciolo sono i risultati e le prestazioni della squadra, che non migliora se non a lampi neppure con un maestro della panchina come Delio Rossi, almeno per ora. Sono però effetti di cause societarie, riflesse sul campo. Dall’autunno 2009 si è spaccata la proprietà della Fiorentina, perché non avevano avuto lo stadio come, quando e dove volevano. L’ho scritto qui allora, quando il cosiddetto “progetto” era in auge con Prandelli e la Fiorentina senza le mascalzonate dell’arbitro Ovrebo sarebbe giunta poi almeno tra le prime 8 di Europa in Champions: quindi andava tutto bene… Ma mi chiedevo allora, suscitando un Arno di equivoci da fiorentino esule, quale fosse in realtà il progetto.  ANCORA PIÙ chiaramente: se i Della Valle avessero chiarito pubblicamente “non siamo dei mecenati, non montatevi la testa, lo facciamo per guadagnare in termini di marketing e di immagine pubblica e pubblicitaria, ma ciò che conviene a noi lo faremo convenire alla Fiorentina, quindi ai suoi tifosi, quindi alla cittadinanza ecc. ecc…”, adesso la vicenda non sarebbe finita a proteste, minacce, reazioni, foulard a rischio incenerimento… Invece per tutto questo tempo dai a menarla col “progetto” invisibile che nascondeva un legittimo, ripeto legittimo affaire parallelo, senza un minimo di senso del futuro. Altro che Prandelli “Ferguson italiano”! Via via secondo il braccio di ferro con il Comune per un nuovo stadio magari travestito da outlet urbano si è andati avanti a fari spenti, lasciando solo compiti di “copertura” a dei mezzosangue dirigenziali palesemente incongrui. Puoi anche regalare Frey e Mutu, o come sta per accadere Montolivo, a parametro zero per risparmiare i loro stipendi, ma devi avere in testa qualche idea. Puoi cedere Gilardino per lo stesso motivo, ma devi aver pensato al buco prima, non dopo: sempre che ti interessi far funzionare la Fiorentina come veicolo (ripeto legittimo) del tuo “core business” aziendale. Ma lo devi dire. Se i tifosi arrivano a capirlo da soli, forse non sei così furbo, Batman…”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

28 commenti

  1. è iuntile nascondersi i Della Valle vogliono costruire il loro stadio e quando ciò sarà possibile si impegneranno nella ricostruzione della squadra.
    Come già ho scritto in passato sospetto che l’attuale disimpegno sia una specie di ripicca per gli ostacoli frapposti al loro ambizioso progetto.
    Tancredi Lisena

  2. A prescindere dal resto, lasciamo perdere offese gratuite come il “saper parlare l’italiano” che, francamente, non c’entra un tubo col saper fare gli affari ed inoltre, con quello che leggo proprio qui, mi vien da dire “senti da che pulpito viene la predica”!!!

  3. Beha non mi piace e’ sempre stato polemico con i dv. Diego e’stato scottato fortemente da calciopoli e ha suo dire (probabilmente a ragione) e finito dove non doveva entrare. Sono sempre piu’ convinto se potessero uscirebbero dal calcio, ma gli investimenti hanno continuato a farli e soldi ne hanno spesi anche quest’anno. Una cosa che non riesco a capire e’come fanno ad affidarsi a Corvino, che da quando ha un budget ridotto fa’ un errore dopo l’altro, probabilmente e’inviso agli altri procuratori e ha fatto da anni il suo tempo. Se un dipendente non funziona e mette in difficolta’ l’azienda va a casa, proprio non so cosa si sta aspettando secondo me e’ lui la lana sbagliata per seta. Prendiamone uno che almeno sappia parlare l’italiano.

  4. Beha dice cose che lo 80% dei tifosi viola dicono da tempo, poi ognuno ci mette la sua variazione, il suo grano di sale … il giornalista può non esser simpatico, ma è inutile dargli del gobbo perchè non lo è. O forse preferite andare in B per difendere i Della Valle che ormai da anni sparano ad alzo zero su Firenze e i tifosi viola? Prima di “comprare” la Fiorentina, i Della Valle non s’occupavano di calcio, ancor meno di Firenze e se proprio dovevano tifare per una squadra tifavano Inter. Ce ne siamo già scordati ??

  5. beha può stare antipatico ma sulla questione fiorentina purtroppo ha ragione…SVEGLIA

  6. QUESTA è L’ULTIMA POSSIBILITà DI RIAPPROPIARSI ILCALORE DEI TIFOSI VIOLA SE SI MUOVONO MALE ANCHE IN QUESTO MERCATO E NEL PROSSIMO GIUGNO è BENE CHE SPARISCANO TUTTI ,SIA I DELLAVALLE CHE QUEL VITELLO DI CORVINO ALTRIMENTI NON SO COSA POTRBBERE SUCCEDERE.

  7. Via i della Balle da Firenze

  8. Guardate che c’ha ragione lui. Poi tifate i che vi pare, ma sentirsi dire la verità da noia vero?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*