Beha: “Il massimo a cui aspira un’autentica potenza imprenditoriale è l’autofinanziamento? Ma via, i Della Valle ci vogliono canzonare”

Beha2

Il giornalista e tifoso della Fiorentina, Oliviero Beha, ritorna a commentare le vicende viola dal proprio blog personale (Olivierobeha.it) e scrive: “Se un amico mi fa notare che definendo i Della Valle bros. i nostri PozzoUdinese – alla Fiorentina ho commesso un errore, beh, onestà vuole che mi corregga. Quale errore? La famiglia Pozzo con l’Udinese (e il Watford e il Granada) con il pallone ci guadagna, e ne incassa i dividendi. La proprietà gigliata originaria delle rive dell’Ete invece no. D’accordo. Però prima di tutto bisogna vedere se il guadagno è solo economico, oppure si sviluppa su altri piani (della comunicazione, dell’immagine, della penetrazione commerciale ecc.). Poi non si capisce perché a detta loro ci debbano perdere, perché si debba sempre rientrare di soldi spesi evidentemente un po’ a pene di segugio: per esempio perdere Capezzi, simbolo del vivaio nel dopo Bernardeschi, che c’entra col non guadagnare? Non c’entrerà sempre col famoso braccino del mocassino? E poi rimane un elemento di fondo: i Pozzo con tutto il rispetto sono “solo” i Pozzo, i nostri amati brothers si ritengono, si muovono e credo siano (parlo per Dieguito con tutto il suo cucuzzaro) un’autentica potenza imprenditoriale italiana con risvolti internazionali: e il massimo cui aspirano è l’autofinanziamento? Ma via, non ci posso credere, forse stanno scherzando e ci vogliono canzonare un poco. Volete davvero che dopo aver venduto gli Jovetic, i Nastasic, i Ljajic, i Savic, i Cuadrado ecc. non stiano pensando a stanziare oggi almeno una ventina di milioni per potenziare la Fiorentina? Che si contentino di esser vassalli di Agnelli (e passi), di Berlusconi (già meno), di Moratti e ora dei cinesi (ma perché?), degli americoromaneschi (anche loro non sembrano fulmini di guerra, magari i soldi sono sempre di Unicredit, vallo a sapere, e certo Dieguito lo sa), e infine di De Laurentiis e di Squinzi? Davvero i fratelli Tod’s si sentono inferiori economicamente a tutti i summenzionati (lascerei stare per una volta i soliti Preziosi e Zamparini…)? Non lo posso né lo voglio credere. Penso invece che con l’operazione stadio i marchigiani ci vorrebbero guadagnare esattamente come Pallotta con il suo (eventuale) e i Pozzo con il calcio, stadio-bellissimo-compreso. Nel frattempo oscillano. Quindi non sono i Pozzo, ma almeno il pendolo sì: e noi a seguire la traiettoria con il naso all’insù…”.

Visita la Zona Viola sul sito di Oliviero Beha

© RIPRODUZIONE RISERVATA

30 commenti

  1. Ovvia su Franchino torna a scodinzolare per i tuoi padroni in riva all’Ete (morto) ti hanno preparato una bella cuccia e l’osso da rosicchiare !

  2. Gabriele ha spiegato molto bene la situazione. Aggiungo che questi signori sono stati attratti dall’allora sindaco Dominici dalla quasi certezza di realizzare un grande business, la cittadella. Erano disposti ad investire nella squadra fino ad un tot di milioni, un buon affare in considerazione di quanto avrebbe reso. Poi le cose sono andate all’italiana, per le lunghe. Ed è qui che hanno adottato l’autofinanziamento, non volendo andare oltre una certa cifra di spesa.
    Oggi non ci sono acquirenti per via delle richieste dei DV, loro vendendola vogliono rientrare dell’ammontare immesso in società, oltre 200 mln stando ai bilanci. Ma la Fiorentina non li vale, perché oltre al marchio e al suo blasone c’è solo il parco giocatori, non hanno nessuna struttura di proprietà.
    Da gennaio 2015 loro hanno scelto la strada di rientrare delle spese per abbassare l’importo dell’investimento fi a rendere vendibile la società senza rimetterci un euro, se poi nel fra tempo ottengono i permessi per costruire la cittadella hanno fatto bingo, In tutto questo i risultati della squadra sono un dettaglio secondario, a loro basta che non si svaluti e quindi che galleggi nelle prime otto posizioni del campionato.
    Questa cosa è chiara come il sole, ma nessun giornalista la spiega in modo semplice. Perché? Semplice, loro hanno adottato a suo tempo il motto “ne spezzo uno per educarne cento”. Lo hanno fatto con il giornalista Prizio (vicenda che spiega la pochezza degli uomini/giornalisti di firenze) e gli altri si sono supinamente adeguati e si guardan bene di andare oltre nelle critiche dei fratellini, e di volta in volta scaricano le colpe su giocatori, dirigenti, procuratori, ecc.

  3. Non ci stanno canzonando ma prendendo per i fondelli. L’autofinanziamento è una storiella che fa il paio con il fari play finanziario. Tutte foglie di fico per nascondere una assoluta incapacità di operare nell’ambito del sistema calcio, un mondo ch non gli è congeniale, fato di passioni, sentimenti, risultati sportivi, consvenza delle regole e di sistemi per far rientrare gli investimenti. Dalla odiata Juve hanno da imparare come scolaretti ella prima elementare dalla maestra.

  4. I DV nn hanno la minima intenzione di vendere, sanno benissimo che dopo 6 mesi da quando dovessero cedere la società, tornerebbero nell’anonimato da cui son scappati fuori. Il calcio è pubblicità a buon mercato, nel loro caso gratis, quindi ……

  5. Che p…. Oliviero bega possibile che per te i della valle nn ne indovinano una??? Nn sei credibile

  6. I DV la Viola la cederebbero anche subito, piangendo dalla gioia.
    Ma se nessuno viene a chiederti di acquistarla ti tocca tenertela.
    Questa è la realtà, da vari anni.

  7. Per i vari Franco4 che imperversano nei vari siti sulla Fiorentina offendendo chiunque non la pensi come loro:
    “Prima di buttare la vostra ***** sul prossimo guardatevi allo specchio! Potreste scoprire di essere fatti direttamente di quella sostanza che spargete così generosamente!”
    Quando non si è d’accordo con qualcuno si argomentano le proprie opinioni!
    Ah, scusatemi, dimenticavo, non tutti hanno un cervello!

  8. I Della Valle vogliono lo stadio… ma secondo me per farlo hanno interpellato l’interlocutore sbagliato… il partido di maggioranza a Firenze e in Toscana ascolta e agisce secondo altre forze… diciamo di natura commerciale in misura di centri commerciali che siano alimentari oppure vari sempre sotto il controllo guarda caso le linee delle tramvie mettono tutte le fermate in virtù di questi centri commerciali(ponte a greve, piazza leopoldo, novoli san donato etc..) se i Della Valle si fossero rapportati con questa organizzazione probabilmente avrebbero già dato l’inizio ai lavori…

  9. Vero . cmq forse i Pozzo al posto dei della valle a gennaio un 10 mln forse l’investivano perché potevamo arrivare in champions, si trattava solo di gestire un bel vantaggio prendendo un paio di giocatori(qualcuno anche in prestito pagato o con diritto di riscatto x risparmiare ma puntellare cmq la squadra ) al livello dei titolari così da non far scoppiare i nostri ed incassare un bel pò di soldi grazie alla champions.
    Soldi che con lo stadio li fai cmq in meno tempo a meno che non vogliono vendere il club quando varrá ancora di più.
    Insomma abbiamo buttato un occasione che non so quando tornerá.
    La juve é fortissima, roma e napoli son forti. Inter ora ha i soldi dei cinesi, il milan era molto peggio di noi ma ora Montella potrebbe cambiqre le cose ma senza considerare milam e sassuolo cmq co stanno 4 squadre che pensano sopratutto al campo e non ad altro e son forti e ora so parte da 0 punti e non da un vantaggio non sfruttato x rosa incompleta come avvieme da anni x voa di un a utofinanziamento troppo rigido.

  10. Mario da Trento

    Franco4 hai tutta la.mia solidarietà. Con iG questo essere inutile e represso fa proprio pena. Lacialo perdere. Gli stolti meritano solo indifferenza. La mia speranza è che torni di nuovo a tifare juventus perché è gobbo dentro.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*