Beha: “La Fiorentina e lo stadio rappresentano un pretesto per i Della Valle per un discorso imprenditoriale”

Beha2

Proprietà, stadi di calcio, investimenti immobiliari legati al mondo del pallone. Ne parla il giornalista e tifoso viola, Oliviero Beha, in un articolo pubblicato da Il Fatto Quotidiano: “Che vuole Pallotta a Roma se non il nuovo stadio, meglio se da affittare originalmente al club? Anche se il discorso con l’amministrazione capitolina dopo l’emulsione politica del “bravo chirurgo” Marino pare in stand by, con fibrillazione societaria diffusa (ma il candidato renziano Giachetti è romanista come il presidente del Coni, il passato remoto Malagò). E infatti, malgrado per ora la squadra stenti pure con Spalletti (ma tra una settimana c’è già la verifica juventina e ne sapremo di più) non credo che il gruppo di proprietari d’oltreoceano intendano mollare come si è letto e smentito, appunto con un impianto quasi alle porte.

Idem per i DellaValle bros.con la Fiorentina e la questione immobiliare di Firenze. È un discorso imprenditoriale nel quale il calcio e lo stesso stadio rappresentano solo un pretesto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

30 commenti

  1. È mai possibile che iimprenditori come i Della Valle vengano sempre messi in discussione? Mi chiedo perché non dovrebbero dove tutti, lo fanno, i propri interessi manageriali. Forse a Firenze si crede ancora al Mecenatismo ma anche i Medici erano IMPRENDITORI.Auguro percio alla Viola e a Firenze un lungo matrimonio con persone serie come la famiglia DellaValle

  2. Vi sembra che i Della Valle siano come tanti altri presidenti citati in questo articolo e nelle varie risposte?si forse avranno un po’ le braccine corte,ma questi sono persone serie,quando dicono qualcosa lo mantengono,io personalmente spero che facciano lo stadio e tutto il contorno,e se hanno detto che i ricavi entreranno nelle casse della Fiorentina,io ci credo,e prima di criticare sempre aspettiamo

  3. Rammenterei a tutti questi grandi tifosi da salotto di ricordare la fila lunga di compratori della Fiorentina dopo il fallimento di Vittorio Cecchi Gori.
    Vi meritereste o i Pontello o i vari Zamparini/Preziosi/Cairo….

  4. Stefano Carmagnini

    In Italia le proprietà calcistiche non durano più di 20 anni. Agnelli a parte, il più longevo è Berlusconi (25?), mentre Moratti si è fermato a 18. Non so perchè, ma evidentemente sono dei tempi di investimento e/o rientro delle spese; cosí fosse entro 5 anni i Della Valle potrebbero iniziare a pensare di uscire dal calcio. Ne consegue che progetti di grandi traguardi sportivi (scudetto) e infrastrutturali (stadio) siano fuor di questione.

  5. Diciamo tutta la verità, non solo un pezzo. Se la Fiorentina è solo il pretesto di un business, questo business è stato proposto (ed anzi: promesso) dai palazzi del potere politico fiorentino.
    Quindi, cari tifosi, il problema non è né il pretesto né il business. Ma il fatto che ad un certo punto ciò che è stato promesso non può più essere mantenuto. Ed è qui che casca l’asino. Anzi i DV. Scommettiamo??

  6. CAro Francesco, caro Alex… discorsi anche sensati i vostri. Il problema però è, Francesco, che i DV non son qui da ieri. sono qui da 15 anni. E tolti i primi due, spesi tra C2 e B, vorrei sapere quanto tempo è necessario per il progetto che dici. Perché se in 13 anni siamo arrivati ad avere 13 titolari, a questo ritmo per averne 22.. quanti ne serviranno ? Ma di che progetto parli ? qui progetti non ce n’è, a parte quelli sbandierati ogni estate a inizio campionato e puntualmente smentiti dai fatti. Vedi a me, se i DV dicessero: la situazione è questa, per noi l’optimum è il 4-5 ° posto e ogni anno la EL, io magari non sarei felicissimo, ma capirei e forse anche approverei. Solo che qui, al ritorno in A, ci siamo sentiti dire (ma ve ne siete scordati tutti?) “in tre anni lotteremo per lo scudetto”, poi a seguire “obiettivo della società la champion”, quest’anno si vociferava l 3° posto. Ma quando ? Ma dove ? Almeno siano chiari, e nessuno più li manderà a quel paese. A me di essere preso per il sellino non mi garba. A proposito… troppe mezze calzette societarie che non capiscono un tubo di calcio ? Verissimo. Corvino di calcio ne capiva, e siamo campati per anni con le sue plusvalenze. Solo che voleva decidere, e faceva ombra ai fratellini quindi… via ! Noi abbiamo un DS senza potere di firma. Ma in quale società seria si vede una cosa del genere ?

  7. Che antipatico questo quì però!!!Ma poi da anni che si vede che è avvelenato con i Della Valle,sono il suo tormento.

  8. Finalmente vedo tifosi interessati al dialogo che cercano di parlare pacificamente. Alex 62 partendo dal fatto che sono particolarmente ignorante riguardo leggi per società sportive, mi pare di capire che ci siano, come a detto Simon 1, tipo una infinità di restrizioni per gli investimenti. Mi dispiace dirlo ma il modello da imitare è quello della Juventus! Stadio di proprietà, organizzazione stabile e gerarchica, utilizzazione di investimenti da parte dei proprietari o soci nulla. Se ci fate caso infatti nonostante abbiano guadagnato non so quanti milioni quest’anno ne hanno spesi si e no 1/4 così da riuscire a pagare tranquillamente tutti gli ingaggi che hanno e mantenere una squadra forte con “riserve” che permettano di avere due squadre titolari. I DV stanno spingendo forte sul fatto dello stadio perché sbloccherebbe alcune di queste limitazioni di investimento e di poter utilizzare il 100% degli introiti dati dallo stadio di proprietà nella stessa società sportiva. Io sono estremamente convinto della capacità gestionale di ADV e DDV l. Secondo me l’unica pecca è non avere un DG con i controc***i che sappia gestire bene una società calcistica. Io sono del parere che cognigni non è la persona più adatta e che Rogg sia un po inesperto. Quindi secondo me dovrebbero cambiare un po di personaggi in questo senso e curare meglio la comunicazione. Detto questo se analizzi il progetto dei DV che durante questi anni hanno alzato l’ingaggio dei singoli giocatori (non il monte ingaggi che hanno dimezzato vendendo solo gli esuberi) così da permettersi di trattenere dei semi top player per provare a raggiungere traguardi importanti (non trofei) che possano permettere di continuare ad alzare il patrimonio SOCIETARIO e non il loro è creare così fondamenta forti per potersi permettere poi 22 titolari. Per ora siamo arrivati ad averne 12/13 abbastanza forti da considerarli possibili titolari, ma purtroppo quando capita qualcosa di imprevisto, vedi badelj, ora non abbiamo il sostituto adeguato. Come già detto nel commento precedente è un progetto a lungo termine. Ma intanto siamo in serie a a combattere per posizioni prestigiose e non abbiamo l’ansia del risultato perché se anche non ci riuscissimo la società non fallirebbe. Quindi direi che il lavoro dei DV possa migliorare ma non è di certo da contestare così duramente. Sono solo molto prudenti ma non per il loro bene, ma per il bene della società FIORENTINA stessa.

  9. Bravissimo simon 1. E a bea senza h vorrei dire di metterci lui il …. se vuol fare il ……. . ( mi scuso con gli omosessuali ).

  10. per Marco e Filippo…. Mi spiace ma i DV erano ben conosciuti ed avevano la loro visibilità anche prima della Fiorentina e mi dispiace se non ve ne siete accorti. Avere una squadra di calcio può aumentare questa visibilità ma come altra faccia della medaglia può portare dei contraccolpi negativi: contestazioni, fraintendimenti, ecc. Oltretutto quello che mi fa specie è che qualcuno pensi ancora che un presidente possa gestire la squadra con il proprio patrimonio personale: non sono più quei tempi!! Un presidente può finanziare, anzi prestare alla società un massimo di 30 milioni nell’arco di 3 anni. Lo sapevate? E non sono più ammessi nemmeno vecchi giochetti di sponsorizzazioni “interne” o quanto altro. La società sportiva deve vivere, sempre di più, in base alle proprie finanze (tv, merchandising, sponsor, ecc.). Poi ci sono i biscazzieri, come il thailandese, che puntano al buio e scommettono su possibili ricavi futuri…. se l’inter non arriva tra le prime 3 non oso pensare a cosa potrebbe succedergli, così come qualche altra squadra……
    Per quanto riguarda la comunicazione posso essere d’accordo con Alex62: in Fiorentina molte volte esprimono male dei concetti basilari di buona gestione e non si spiegano fino in fondo, altre volte lasciano trapelare voglie vere di far bene che però si scontrano con le realtà dei bilanci. Ma questo non ci deve far venir meno la fiducia nella società che cerca di operare nel migliore dei modi cercando di raggiungere obbiettivi sportivi oggettivamente difficili. Quanti ci invidiano i DV? Ma le leggete le dichiarazioni? Vi capita di parlare con tifosi di altre squadre, anche più blasonate della Viola? FORZA VIOLA sempre e comunque!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*