Beha: “Non credo che avremmo necessità di un grande allenatore, ne basterebbe uno un po’ più convinto e meno confuso. Le foglie sono gialle e non dipende da Corvino…”

Il giornalista e tifoso della Fiorentina, Oliviero Beha, si infiamma dopo la sconfitta rimediata dai viola in Piemonte ed elenca una serie di aspetti sui quali i viola sono carenti: “Dopo la partita con il Torino, la scadente classifica, il gioco che tarda, e ormai quaranta giorni di campionato, più che opinioni o credenze ho “non credenze”. Tipo queste. Non credo che ci vorrebbe tutto l’ardore agonistico del Toro per una buona Fiore, ne basterebbe la metà… Non credo che ci vorrebbero per forza i quattro moschettieri dell’anno scorso in piena forma, Badelj, Vecino, Borja e Ilicic, che attualmente versano in uno stato pietoso, ne basterebbe una versione decente. Non credo che sarebbe indispensabile un gioco scintillante come si vide per tre mesi domenica più domenica meno l’autunno scorso, basterebbe averne uno, un’identità riconoscibile. Non credo che avremmo per forza bisogno di Higuain per segnare un po’ di più o anche solo per essere davvero pericolosi davanti (dietro già lo siamo…), basterebbe un giro di palla più rapido e da metà campo in avanti idee e piedi per realizzarle. Non credo che al posto di Tomovic che non ha ancora capito che cosa sia il fuorigioco almeno in difesa ci vorrebbe per forza un Dani Alves. Sarebbe sufficiente un terzino vero. Infine non credo che avremmo necessità di un grande allenatore, ne basterebbe uno un po’ più convinto e meno confuso, ossia lo stesso che un anno fa si divertiva e ci divertiva. Adesso, a parte un Sanchez di “garra” vera e un Bernardeschi in crescita, le foglie viola d’autunno sono sempre più gialle. E non dipende da Corvino…“.

Visita il sito di Oliviero Beha

© RIPRODUZIONE RISERVATA

24 commenti

  1. Sousa si intestardisce con Ilicic e Tomovic …ma anche livello della squadra di per se non e’ eccelso,poi ci sono i problemi che ha descritto “bibi” e quindi pensare all allenatore come unico colpevole secondo me e’ riduttivo.Anche l Inter o il Napoli con organici nettamente superiori al nostro perdono,quindi occorre molta pazienza e limare la formazione mandando via i pesi morti e acquistando cio’ che manca,tenendo infine presente che alla base di tutto c’ e’ la non volonta’ di investire.

  2. francescobellino

    Bene. Zeman fatebbe al nostro caso, intanto a fine anno lo stesso non vinceremo niente, ma la soddisfazione di una squadra all’attacco e di un antijuventino e di uno contro al sistema, non ha prezzo.

  3. Alessandro, Toscana

    Indo vai a Casette D’Ete con uno striscione x i DV sei un tifoso loro non della Fiorentina, basta ammorbare i veri tifosi come noi con le tue dichiarazioni d’amore per i fratellini, fai outing e dichiarati!!!!

  4. Adesso si baloccheranno con il totoallenatore così ci distrarremo dai veri problemi: una squadra costruita male, un mercato fatto solo per incassare, un assenteismo sempre più marcato dei padroni (sdegnati e permalosi) che ci fanno ancora credere che si farà lo stadio nuovo (l’Araba Fenice) e una società senza ambizioni se non quella di vivacchiare. Hanno preso il Corvo 2 la vendetta per raccattare qualche giovane di belle speranze e “portare fieno in cascina”. Poveri tifosi creduloni, li vedo con la sfera di cristallo a fare sondaggi su Pioli si o Pioli no. Credono che il problema sia quello! Ah.ah.ah.ah.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*