Beha: “Quanto sarà speculativo il nuovo stadio della Fiorentina? Della Valle e il mancato appoggio a Zeffirelli”

“A proposito di stadi. Naturalmente in un Paese senza memoria ci si è completamente dimenticati dell’epopea disastrosa di Italia ’90 in cui ovviamente gli stadi (e le persone: Carraro, Montezemolo, il Caf… sembrano le guerre puniche) hanno fatto la parte del leone. Chi si ricorda dei costi decollati? E dei morti nei cantieri? E oggi di quegli stadi che ne è stato, a 27 anni di distanza?”. Comincia così un articolo sull’argomento stadi scritto dal giornalista e tifoso della Fiorentina, Oliviero Beha, per Il Fatto Quotidiano. Poi Beha aggiunge: “Ci pensavo, all’indomani dell’orgia sanremese che non ci ha risparmiato Totti vessillifero del nuovo stadio come lo era stato per i Giochi del 2024, al genetliaco di un italiano famoso nel mondo, leggermente più di Renzi. Sto parlando di Franco Zeffirelli, autore di uno spot splendido all’epoca, gli occhi ancora scintillanti a 94 anni, la croce della Regina d’Inghilterra sul petto in una giacca di velluto viola scuro, lui tifosissimo della Fiorentina e felice perché finalmente sta per inaugurarsi la sua Fondazione nel vecchio Tribunale di Piazza San Firenze, a un fiato da Palazzo Vecchio. Uomo generoso come pochi e artista fin nel midollo, che piacciano o no le sue opere, avrebbe potuto godere di un appoggio per questa iniziativa da parte di Diego Della Valle, esperto invece in Colossei. Niente. Vedremo se e quanto sarà speculativo il nuovo stadio della Fiorentina, annunciato da anni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

47 commenti

  1. Sì ch'io fui sesto tra cotanto senno

    Intanto oggi pomeriggio Unipol ha fatto pervenire a tutte le parti interessate un bel ricorso sullo spostamento della Mercafir a Castello ..
    I terreni per costruire vanno pagati ed al prezzo che indica il proprietario altrimenti io domani sono libero di costruirmi bel terra tetto al piazzale Michelangelo. …

  2. Claudio, l’inflazione è un conto, il debito pubblico un altro, la svalutazione un’altra ancora.
    Stefano, a me dello stadio nuovo importa un tubo. La cosa buffa è che pare interessare solo a voi tifosi di fori, che vecchio o novo, allo stadio nn venite. Naturalmente interessa anche ai DV, ma, opinione mia, solo come cavallo di Troia, per fare il resto.

  3. Quindi beha che inserisce la parola Fiorentina solo per aver l’occasione di parlare male dei della valle è un gobbo strisciato?

  4. Tifolamagliaviola

    Questo è diventato un sito di superespertoni: qualsiasi soggetto si tratti arriva subito il professorino che spiega a noi poveri imbecilli nati ieri sotto un pero come funziona questo, come funziona quello, ci sono allenatori, architetti, fini urbanisti, medici illustri, economisti … insomma s’impara un sacco di cose, ganzissimo. Piu’ raramente si parla di Fiorentina, tanto la metà son gobbi strisciati venuti a scassare i marroni

  5. Alessandro, Toscana

    L’opera era riserva poi titolare per l’infortunio del vero titolare, e non puoi negare che a noi mancava ( e manca ancora) un vero centrale titolare ( oltre ai 2 terzini) ma già tutta colpa di Sousa e non di una società di m….
    povero bischero!

  6. Io continuo a non capire. Ma che caspio ci interessa a noi se ci saranno guadagni anche dei Dv o di altri soci privati? Vogliamo un nuovo stadio,moderno,efficiente,comodo,coperto,vorremmo anche delle strutture legate alla società col giglio, che possano portare benefici sia in termini economici immediati che in termini di appetibilità della società Viola,vorremmo diventare finalmente una società calcistica di stampo europeo e mondiale,e ancora c’è chi discute su quanti benefici ne trarrebbero i privati e quanto ci guadagnerebbero? Cosa è che vorrebbe Beha e quelli che la pensano come lui,di preciso? Che arrivi un filantropo e,affascinato da Firenze e dalla squadra Viola,decida di investire (di buttare via)350/400 milioni di euro a fondo perduto,così tanto per far contenti quelli che tifano Fiorentina? Ma dove vive Beha e dove vivete voi? Su Marte? Ma è roba da matti.

  7. S69 guarda che il debito pubblico già nei primi anni 80 era sopra il 100% del pil, ricordi che per i CCT o i BOT gli interessi erano al 10%

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*