Beha: “Solita nebbia dei Della Valle, e così ce la prendiamo in saccoccia”

Il giornalista e tifoso viola, Oliviero Beha, ha commentato la prestazione della Fiorentina di domenica scorsa e facendo un’analisi sulle difficoltà della squadra: “Esattamente tre mesi fa scrivevo queste cose. La vicenda della Fiore è andata alla moviola: era chiaro che la nostra non era una velocità di crociera, con il mercato di gennaio si sarebbe andati su o giù. Torniamo sempre alla proprietà e al club, di cui staff tecnico e squadra sono una conseguenza, per incapacità, intenzione di non spendere, mancanza di chiarezza e di sincerità con i tifosi. Solita nebbia dei Della Valle, e così ce la prendiamo in saccoccia (eufemismo). Comunque ecco quanto scrivevo dopo la sconfitta con la Juve, che se non sbaglio era dietro la Fiore.

Alcune considerazioni per punti, 5, dopo la sconfitta con la Juve che segue quella col Torino, il Napoli, la Roma.

1) Teniamoci comunque cara questa squadra, perché a sorpresa (chi lo avrebbe detto ad agosto?) sta facendo bene e non ha ancora perduto alcuna possibilità. Speriamo che la proprietà si muova come deve, e che un eccellente allenatore continui così.

2) La partita allo Stadium ci ha detto però, o confermato, alcune note incontestabili. Per esempio che a portieri invertiti avremmo almeno pareggiato, d’accordo, essendo Tata giù di forma, eppure che comunque Buffon non ha dovuto parare mai. Va bene la difesa super dei Campioni, ma se non riesci mai a tirare in porta del possesso palla non sai che fartene.

3) La coperta è cortissima: basti vedere i cambi della Juve in un match dispendioso atleticamente e nervosamente, e quel terzetto nostro mandato in campo alla sperinDio a cinque minuti dalla fine. Quindi se si vuole competere, i rinforzi sono indispensabili perché un posto in Champions rimane alla nostra portata come mai negli ultimi anni (a parte il furto al primo Montella fatto dal Milan, ma non giocavamo le Coppe).

4) Un’ora buona alla pari pur senza pericolosità con la squadra in questo momento più tosta del campionato è una base, non un obiettivo raggiunto.

5) Il rigore ci è stato fischiato a favore, non contro, proprio come con l’Inter…Beh, in altri tempi non sarebbe successo, anzi ci si aspettava il contrario. Gaudeamus igitur, ma sotto con il mercato: un centrale, un esterno destro, un centrocampista pronto al posto di Suarez e un Menez o un esterno offensivo che salti l’uomo. Bernardeschi non può far tutto. Ma a maggior ragione dopo una sconfitta, alé Viola”.

Visita il sito di Oliviero Beha

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti

  1. Al tempo del tuto articolo ho scritto che ero d’accordo al 100%. Talmente evidenti erano le necessità della squadra che non si poteva non condivedere l’acquisto di un centrale difensibo, ul terzino dx e un cenrtrocampista dinamico oltre ad un attaccante in grado di creare superiorità numerica. Non c’è stato verso, ma oltre al comportamento dilettantistico di una pletora di dirigenti da licenziare in tronco, anche una non volontà, mascherata da false promesse di una proprietà che dovremo far tiornare al proprio paesello.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*