Questo sito contribuisce alla audience di

Beldì: “Le gare nelle coppe con Juve e Napoli impronosticabili. Chissà che i partenopei o la Roma non cedano in campionato…”

Il regista Rai e noto tifoso viola Paolo Beldì si è aperto ad un’emittente bianconera, Tuttojuve.com, per anticipare la sfida di giovedì: “E’ tutto ancora da giocare. Non sono scaramantico, ma non riesco sinceramente ad immaginare come possa finire la partita giovedì. La Juventus è chiaramente la squadra più forte che ci sia, però il bello delle sfide, in particolare di Coppa, è che può succedere qualsiasi cosa, ed è quello che spero. Una finale di Europa League tutta italiana? Certo, sarebbe bello. Mi sarebbe piaciuta la finale Juventus-Fiorentina, ma ormai non è più possibile. Come la vive l’ambiente fiorentino? Io sono un fiorentino all’estero, nel senso che vivo in Piemonte, circondato da juventini (ride, ndr), per cui lo vivo in maniera differente. Si scherza con gli amici, ci si scambia sfottò, tutto in modo molto tranquillo. Non siamo ai livelli assurdi che negli ultimi tempi ho visto raggiungere. Sfida con il Napoli in Coppa Italia? Come dico sempre, essendo una partita unica è ancora più eccitante, perché può davvero succedere di tutto. Sono certamente contento del fatto di poter rivedere la squadra affrontare una finale dopo tanti anni. Anche perché la Fiorentina ha già vinto 6 volte la Coppa Italia. Il ritorno di Gomez può riaprire corsa al terzo posto? Sicuramente rimane la curiosità per non aver quasi mai visto giocare Gomez e Rossi insieme. Non si può calcolare la forza della Fiorentina con due attaccanti in meno. Riguardo al terzo posto, dovrebbe cedere una tra il Napoli e la Roma, contemporaneamente ad una serie positiva della Fiorentina. Non è detto che non succeda”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA