Questo sito contribuisce alla audience di

Benassi: “Sappiamo che la strada è quella giusta ma a volte dare il meglio non basta”

Giocava una sorta di derby personale Marco Benassi, da ex centrocampista del Torino, ieri sera contro la Juve. Su Instagram il suo commento un po’ desolato è stato questo:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Benassi ti aspettiamo

  2. Se questo il tuo meglio, addio!
    Dai, che migliorare si dovrà, caro Benà!
    Ieri sera nono ne hai vista una.
    Quando i nostri dovevano impostare tu non c’eri mai.
    Basta con questa storia del modulo a 3 a 2 , del centrocampo a x a y. Ieri sera Dybala, seppur scemando di brillantezza, veniva a prendersi la palla nella sua mediana.
    Non ti stiamo chiedendo di fare la differenza, di farci vedere qualità che forse non hai, ma di toccare la palla e appoggiarla, giocarla.
    A questa Fiorentina manca la luce, il faro tecnico che possa inventare una giocata. E’ una squadra o di geometri – Badelj – o legnaiuoli – Veretout, di buoni “appoggisti”, ma tu, Benassi, se nella trequarti non la tocchi, e l’ evidentemente non servi, perché non hai le caratteristiche tecniche per cucire i reparti e servire con giocate brillanti gli attacanti, fai tre passi indietro e vieni a fare il torello, il giro palla, con gli altri due, almeno non ti si freddano i piedi. A gennaio, se toccherai una palla ogni 35 minuti, appena il cuoio t’impatta su quello delle scarpette, ti si staccheranno dalle caviglie.
    Speriamo sia un problema di ambientamento e di condizione, oppure di fiducia in se stessi.
    Speriamo.
    D’altronde Corvino, da buon contadino, ha costruito una squadra, una buona squadra secondando la sua rappresentazione del mondo: nessun artista, tutti artigiani.
    Oh! Un fenomeno non lo era neanche Bernardeschi, sebbene tutti vi siate strappate le treccine dal capo.
    E fenomeni, ma buoni giocatori di prospettiva – su tutti Chiesa – non ce ne sono.
    Simeone io lo vedrei più come un Inzaghi senior: un rapace da area, un opportunista: grande tecnica non ne ha! E’ evidente. Fisico neanche. Speriamo abbia perlomeno i colpi, altrimenti…. il paragone con Batistuta non regge.
    Ma nel calcio si sa – per alcuni, per crescere, per migliorare – ci sarà bisogno di tempo.
    Anche il mitico Bati, appena arrivato, era tutto potenziale da sgrezzare.
    Poi col lavoro e la determinazione è stato il centravanti più forte di tutti… il più grande!

  3. Aspettiamo e vediamo. Per adesso poche soddisfazioni temo ….

  4. Prima di criticare e bocciare benassi andrebbe visto in un centrocampo a 3 che ne esalterebbe le sue doti di inserimento, piuttosto c’è da dire, se è andato via dal toro perché giocavano a 2 per quale motivo è stato preso per giocare il solito modulo? Questa è la conferma di un mercato confusionario senza una programmazione chiara. Io dico solo che 3 squadre peggio della nostra ci sono ed è già una bella notizia.

  5. Speriamo che il tuo acquisto non si dimostri il più costoso ed inutile di tutta la rosa viola. Mi dispiace riconoscerlo ma l’allenatore del Torino lo aveva classificato nel modo giusto! Mai un lampo di genio, nè un contrasto efficace; con lui in campo si gioca con un mezzo giocatore!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*