Questo sito contribuisce alla audience di

Benedetto Ferrara: “Com’è triste Firenze. Questa apatia è qualcosa di nuovo su cui è bene riflettere”

“Com’è triste Firenze”. La Repubblica, tramite il proprio giornalista, Benedetto Ferrara, inquadra così la situazione che si sta vivendo in questi ultimi mesi in città. “Non è tanto la rabbia di qualche tifoso – scrive ancora Ferrara – ma la desolazione del cuore. E non sono un paio di striscioni appesi di notte sul cancellone verde del Franchi, ma sono quelli che restano a casa, anche con l’abbonamento in tasca, a fare più male. Perché Firenze e il suo stadio hanno visto di tutto e di più, ma questo senso di apatia è qualcosa di nuovo su cui è bene riflettere“.

La conclusione che trae Ferrara è: “Il problema adesso non è se arrivare sesti, settimi o ottavi. Ora quello che conta è dimostrare di avere imparato la lezione di questa stagione senza molto senso. Solo un vero atto di umiltà da parte di tutti potrà scongelare cuori e ridare anima a un’idea che è una fede inviolabile. Da coltivare e rispettare. Sempre”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. S’è visto anche la Fiorentina di Carosi, ma si pwmensava sempre che l’anno successivo sarebbe andato meglio.
    Qui telo dicono in faccia che sarà sempre e comunque la solita ribongia.
    Come spiegare ad un bambino che il giocattolo con il quale il suo amico gioca, lui non selo potrà mai permettere per una questione di bacino d’utenza e di Fair play finanziario.
    Questi nn hanno capito una sega e pensano di essere anche ganzi.
    Nn sanno, gli stolti, che quelli che gli sorridono e gli dicono bravi, sono gli “schiavi” che campano di ciò che cade dalla mensa del padrone.
    È la storia più antica del mondo

  2. esattamente ila mio stanto d’animo…è cara belva romana ho visto anche quelle di mazzoni..no mazzonè. .mazzoni…ho visto giocare Zagano..bruzzone e ricciarelli….ma andavo allo stadio con entusiasmo..questi incapaci nel calcio invece mi hanno tolto ogni gioia di tifare..dal 76 questo anno non ho rifatto abbonamento. .tornerò al franchi in qualsiasi serie con una nuova proprieta

  3. Anche io sottoscrivo, in definitiva ha detto la verita’, tanto ci saranno sempre i soggetti ai quali va tutto bene sempre e comunque pur di difendere l’indifendibile e cioe’ una societa’ ridicola che a uno gli piaccia o no e’ sempre stonata , anche quando siamo andati ripetutamente in europa league non cambia la sostanza.
    Non c’e’ animo, non c’e’ sentimento, non c’e’ passione , ci sono solo dei chiari interessi a rimanere aggrappati ad una societa’ di calcio di serie A comunque visibile e appetibile da un punto di vista pubblicitario.
    Io personalmente dopo aver visto quasi una cinquantina di campionati, posso tranquillamente ammettere che ho provato sensazioni ed emozioni piu’ forti in passato anche quando siamo riusciti a salvarci all’ultima giornata, questa proprieta’ e’ riuscita ad addormentare ed ovattare e a rendere amorfa la passione e il sentimento di una bella fetta di tifosi ( a parte quelli che accettano tutto a prescindere)continuo a sperare che pubblicamente i Sig. Della Valle mettino in vendita la societa’, perche’ il clima che hanno creato e’ brutto ed affaticante …….alla faccia degli yesman e di tutti quelli che si sentono loro sudditi!!!

  4. Ferrara evidentemente non ha visto giocare la Fiorentina di Bersellini

  5. Triste per il calcio? Via,ci sono cose più importanti

  6. “Firenze” è triste perché negli ultimi anni è stata abituata bene(quasi sempre in europa);quanta confusione per un’annata storta!!!!E allora quando alla fine anni ottanta,primi novanta,la stagione con Zoff,quella con Mihailovic/Rossi lottavamo per non retrocedere non mi sembra ci fossero state così tante polemiche!!!
    Se per una volta si è sbagliato allenatore pazienza!!!Come ho sempre scritto reputo Sousa uno dei peggiori degli ultimi trenta anni(quelli che io ricordo).

  7. Sottoscrivo,l’unica penna lucida nel panorama giornalistico fiorentino.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*