Questo sito contribuisce alla audience di

Benedetto Ferrara: “Corvino ha cancellato una Fiorentina che non aveva niente a che fare con lui. Monte ingaggi e plusvalenze, obiettivi già chiari da tempo”

Il giornalista de La Repubblica, Benedetto Ferrara, sul proprio giornale traccia un quadro della situazione per quanto riguarda la Fiorentina, arrivati al termine del ritiro precampionato e giunti a poco meno di un mese dall’inizio del campionato: “Gli obiettivi erano abbastanza chiari – scrive Ferrara – almeno quelli espressi davanti al Cda. Alleggerimento del monte ingaggi, realizzazione di plusvalenze di quelle che ti cambiano la vita, e quindi nuovi investimenti in grado di dare a Pioli una squadra decente, con acquisti giovani dagli stipendi contenuti, in modo da stabilizzare il dimagrimento dei costi di gestione. Beh, il ritorno al potere di Corvino aveva un senso preciso, soprattutto nella cancellazione di una Fiorentina che col nuovo direttore generale, uno che ama controllare tutto, non aveva niente a che fare“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

18 commenti

  1. Caro Alessandro posso capire che sei un fugace PDista ma dire che La Repubblica non è diventata una sostenitrice di Renzi mi sembra una mistificazione io che anni addietro la compravo tutti i giorni. È De Benedetti sia il suo padrone del vapore. Oltretutto io sono anche astemio. Consiglio di leggerti la Storia politica dal dopoguerra a oggi. Che purtroppo il giorno dopo diventa storia.

  2. FERRARA IL meglio del giornalismo sportivo fiorentino perché dice quello che pensa che è poi la verità contestare quello che ha scritto nell’articolo è negare l’evidenza ,ora vedremo cosa faranno Corvino & C reinvestiranno ,si forse come di ce Ferrara con dei ragazzetti dallo stipendio basso ,con la speranza che non ci riportino in B o oltre che forse è veramente l ‘unico progetto che hanno sempre avuto in mente e che continua così riusciranno a realizzare .

  3. Io tutta questa divisione dei tifosi nn la vedo.
    Poco prima della fine del campionato ddv chiese (in maniera anche un po provocatoria) “Firenze deve dirci da che parte stà”, nn ricordo manifestazioni pubbliche di supporto nei confronti della proprietà. C’è stata invece un bella manifestazione, molto partecipata, che civilmente chiedeva un cambio della guardia.
    Fra l’altro quei ragazzi sono gli stessi a sottoscrivere più della metà degli abbonamenti fino ad ora rinnovati.
    La domanda è: dove sono tutti questi dellavallici ?
    Se si esclude quei tre o quattro che si muovono solo quando c’è da difendere i padroni del vapore, o come in questo caso giornalisti nn allineati come Ferrara (cosa che fa pensare a una regia, caro miei).
    Io stò anuora aspettando la famosa manifestazione pro dv, ma ormai temo sia un’attesa vana.

  4. O FORSE ha cancellato una fiorentina vecchia che aveva già dato il massimo e che avrebbe solo continuato a peggiorare?
    Non stiamo cedendo fenomeni ma gente che in questi ultimi 2 anni ha fatto SCHIFO!!!
    E non tiratemi fuori il primo anno di sousa perché passati i primi 2 mesi dove sfruttavamo la furbata della non preparazione fisica siamo rientrati subito nei ranghi e pure abbastanza brutalmente…

  5. Drillo 4
    Fai pace con il cervello . Repubblica organo ufficiale del PD . Se c’è un giornale critico verso il PD oltre al Fango quotidiano è Repubblica. Il bere a boccia il sacro blog può dare alla testa . Leggere le avvertenze .
    Ma non mescolare il calcio alla politica

  6. Finalmente qualcuno che scrive ciò che era chiaro ed evidente ma che amor di polemica non si è voluto dire prima. Forse si vuole costringere i DV ad abbandonare il progetto cittadella? Si usano i tifosi che in tanti non capiscono un beato c…o.

  7. A parte il fatto che per me ora come ora La Repubblica potrebbe chiudere dato che ormai è allineato col pensiero unico essendo ormai l’organo ufficiale del PD.

  8. Ennesimo brutto articolo di Ferrara. Non capisco davvero Repubblica che continua a farlo scrivere. Poi ci si chiede perché continua a perdere lettori

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*