BERNARDESCHI CI HA SALVATO DAGLI ALIENI

Bernardeschi supera in dribbling Romagnoli. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Lunedì 24 Ottobre 2016. Ore 9.30. Come al solito ero bloccato nel traffico e, in stile Alan Turing con Enigma, cercavo di decifrare gli ennesimi cambi sul senso di marcia in zona Fortezza. Naturalmente senza risultato. Poi, quando avevo già consumato un’intera cartucciera di blasfemie – roba  che a sentirle l’Arcivescovo Betori avrebbe consigliato al Papa un daspo dalla Chiesa Cattolica per direttissima – lo vidi. Un raggio luminosissimo. Come un fulmine. Una frazione di secondo e fui risucchiato, teletrasportato, smaterializzato, insomma, per farla breve mi ritrovai in una navicella aliena. Sì, lo so: è una cosa difficile da credere, signori, ma d’altra parte Tomovic gioca da sei anni di fila titolare, ormai dovreste essere abbastanza vaccinati all’impossibile. Comunque. Ero legato. Immobilizzato. Davanti a me una creatura xenomorfa. Spaventosa. Un mix fra Amaral, vecchio centrocampista della Fiorentina, e la tartaruga di Jan Fabre in Piazza della Signoria. In sintesi: non proprio un bel vedere.

Se ne esco vivo ho un articolo clamoroso per qualche quotidiano locale, pensai. Già mi immaginavo i complimenti del Direttore di turno: “Accidenti, Sarra, che scoop. Un rapimento alieno in Via dello Statuto! Lo mettiamo in cronaca, subito dopo il pezzo dei parcheggi abusivi in Piazza del Carmine”. Ma andiamo avanti.  “Chi sei?”, chiesi terrorizzato, con un senso di disgusto provato in vita mia giusto per l’inaugurazione del Nuovo Palazzo di Giustizia. “Sono Ywxzk, operatore ecologico dell’Universo. Vengo da Proxima B e sono qui per valutare la disintegrazione del vostro pianeta”. Devo ammetterlo. Non mi ero mai sentito così devastato. Nemmeno quando la giunta Renzi aveva imposto il diktat sullo stop alla vendita degli alcolici dopo le 22 e, la sera, mi toccava annoiarmi da sobrio in centro. “Come fai a parlare la mia lingua?”, domandai. “Be’”, rispose Ywxzk. “Tu come fai a parlare l’inglese?”. “L’ho imparato cercando di approcciare turiste americane al Twice. Con scarsissimi risultati, peraltro”, risposi. “Vedi, come sempre si fa di necessità virtù. Secondo te dovrei girare le Galassie con Google Translator?”. Il ragionamento non faceva una grinza.

Ywxzk mi disse che ero stato scelto come avvocato difensore del mio pianeta. Avrei dovuto elencare i motivi per cui il mondo andasse risparmiato. Altrimenti kaputt. Laser inceneritore e fine dei giochi. La faccenda si faceva complicata. Perché proprio io, per il ruolo della difesa, con tutti gli studenti di Giurisprudenza che facevano palestra alla Virgin di Novoli? Maledizione. Io avevo fatto Media e Giornalismo. Per me il GF VIP era già di per sé un approfondimento culturale. E poi non avevo mai viaggiato, Viareggio era una meta esotica per i mie gusti. Insomma: non ero proprio la persona più adatta. “Mi scusi, dottor Ywxzk, come mai ha scelto me?”. L’alieno sbuffò di noia. “Hai trent’anni. Tifi per una squadra che non vince nulla da prima dell’11 Settembre. Andrai in pensione con il catetere, ad essere ottimisti. Ho pensato che non avevi poi così tanti motivi per vivere e che quindi non ti saresti fatto prendere dal panico come succede sempre con tutti in queste situazioni. Ora, su, fai veloce, che con il casino della Tramvia Interstellare di Alpha Centauri rischio di passare duecento parsec in fila”.

Come dargli torto? Non c’era davvero verso. Avevo pochi secondi. Mi asfaltai le meningi. Cosa c’era di bello in questo pianeta, magari partendo proprio da Firenze? “Gli Uffizi…”, dissi balbettando, benché non ci andassi dalle elementari. “Troppa coda all’entrata”, sentenziò Ywxzk. “La Sexy Disco Excelsior di San Donnino?”, riprovai. “Non ci interessa. Ci riproduciamo per scissione binaria”, rispose severamente l’alieno. Avevo il vuoto in testa. Un vuoto più profondo della voragine in Lungarno Torrigiani. Poi, all’improvviso, l’illuminazione. “La polemica fra Ottaviano de’ Medici e la serie Tv I Masters of Florence!”, dissi. “Non le interessa vedere come andrà a finire?” Ywxzk alzò al cielo i suoi quindici occhi. Azionò i comandi per il caricamento del laser. Ormai avevo fallito. Ma… “Un attimo!”, urlai, col fiatone e il cuore a mille. “Ha mai visto giocare Federico Bernardeschi?”. Ywxzk si bloccò. Silenzio. Ci scrutavamo a vicenda. “Chi?”, domandò incuriosito. Chiesi di liberarmi le mani. Afferrai il mio smartphone. Mostrai all’alieno i gol del fantasista viola contro il Cagliari. Una doppietta da urlo. “E pensi che questa era la sua prima partita da trequartista”, aggiunsi. “Di solito Paulo Sousa lo fa giocare praticamente terzino!”. Ywxzk spalancò le sue tre gigantesche bocche. “Ma è inaudito!”, disse. “Questa cosa ha meno senso di svegliarsi la domenica mattina per fare la Firenze Marathon!”. Nemmeno il tempo di capire. Una luce fortissima. Ero di nuovo alla Fortezza. Il traffico fiorentino non mi era mai sembrato così bello. Berna, continua così e non fare più scherzi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Il giornalismo è questo. Creatività. Non sbrodolare proprie presunzioni o peggio fare riassuntini per riempire gli spazi. Bravo. Non inquinarti tra le vie del vassallaggio al potere. Cosa ancora più difficile che il salvarsi dagli alieni.

  2. Michele da Milano

    Articolo bellissimo specialmente la parte su Tomovic 😀

  3. Sarra sei un talento, ma Bernardeschi da giocatorino promettente a giocatore serio il salto lo ha fatto giocando ‘terzino’, che poi ‘terzino’ non è, è un laterale offensivo di centrocampo con una funzione specifica in un modulo specifico con compagni specifici dotati di qualità specifiche. In Nazionale ci è andato perchè giocava lì, prima era un signor nessuno, e Conte, quando lo ha utilizzato lo ha utilizzato lì. Juric stesso è stato illuminato da Sousa e si è inventato, o meglio reinventato, l’attaccante-terzino al Crotone, ispirandosi al Bernardeschi di Sousa. Non esageriamo col ‘terzino’. Era la squadra ad andare male, o meno bene, e con lei pure Bernardeschi, per una serie di ragioni.

  4. Noi fiorentini siamo dei miti dell umorismo , grande Lorenzo , mi hai fatto sorridere anche se ancora non è pronta la teletrasportovia e son bloccato a rifredi.

  5. BRAVO , BELLISSIMO ARTICOLO , SONO ANCORA A RIDERE ,

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*