Questo sito contribuisce alla audience di

Bernardeschi e un’assenza più che annunciata: la nuova puntata della fiera del comunicato

Bernardeschi. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Dopo il posticipo iniziale di 3 giorni alla convocazione nel ritiro di Moena di Federico Bernardeschi, nessuno o quasi credeva che il numero dieci sarebbe arrivato oggi, data per l’appunto in cui scadeva anche la prolungazione delle vacanze. E infatti ecco puntuale il comunicato, annunciato di fatto, vista la situazione: il fatto che Bernardeschi voglia andare alla Juventus ormai non è neanche più il segreto di Pulcinella, visto che lo ha ammesso lui stesso nell’intervista non autorizzata a La Gazzetta dello Sport di qualche giorno fa. Ormai l’estate viola ha incarnato ampiamente i canoni della telenovela e quella di oggi rappresenta solo l’ennesima puntata (doppia, perché in mattinata era uscito l’episodio su Kalinic) su una fiction fastidiosa, che si barcamena tra un caso di mercato e l’altro. La causa ufficiale stavolta è la gastroenterite ma sappiamo bene che l’ulteriore ritardo (guarda caso 4 giorni, cioè quelli mancanti alla fine del ritiro di Moena) è dettato dal mercato, con un Bernardeschi che se ne andrà davvero senza lasciarsi neanche un minimo di affetto dietro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Tifolamagliaviola

    Sapendo che sono tutti mercenari, e non volendo partecipare a questo mercato, uno si compra una bella squadra di dilettanti e fa giocare chi gli pare. Altrimenti se vuoi giocare nei professionisti sai che c’e’ questa situazione, i giocatori vanno con chi paga di piu’, e comunque si sono fatte delle belle plusvalenze, ora vediamo chi arriva seriamente, c’e’ da rifare il centrocampo: Hagi, Vervetout e Sanchez e Cristoforo potrebbero non bastare. Mancano almeno 5/6 giocatori FORTI

  2. Gonzalo, Borja, Bernardeschi, Kalinic, altrettante espressioni della pusillanimità, altrettanti artisti del sotterfugio, che hanno svicolato per i soldi dopo grandi pronunciamenti d’amore per la maglia (e a Gonzalo è andata pure male). Vecino è l’unico ad aver avuto la schiena diritta e merita quindi affetto e memoria.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*