Bernardeschi: “Ho sentito Corvino, sono molto contento del suo ritorno”

Dal ritiro della Nazionale, Federico Bernardeschi parla anche in ottica viola: “Mi ricordo il Mondiale del 2006, dove tifavamo in piazza davanti al maxi schermo, tifavamo per la nostra nazione, non solo per una squadra. Ero un bambino e impazzivo durante la partita e le emozioni più belle sono legate ai momenti della vittoria, dove poi si passa sopra al tifo per i club. Numero dieci a Motta? E’ più che condiviso ed anzi credo che lo meriti per quello che ha fatto in carriera e per la qualità che ha. Non c’è condivisione più sincera. Ritorno di Corvino? Ci siamo sentiti, è tornato e non posso che fargli un grande in bocca al lupo, sono molto contento. Rapporto con Buffon? Bellissimo e lo ringrazierò sempre per i consigli e per come si comporta con me. E’ un modello da osservare in ogni piccola cosa che fa. Io emblema dei settori giovanili? Bisogna fare tanti sacrifici e fare attenzione a non perdersi per strada, purtroppo il talento non basta ma servono altre qualità che derivano dalla persona che uno è”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*