Bernardeschi: “Il pensiero di diventare la bandiera viola c’è e vedremo insieme di costruirlo”

Bernardeschi chiama palla. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

L’attaccante della Fiorentina, Federico Bernardeschi, ospite della Domenica Sportiva sulla Rai, ha dichiarato: “Dove mi vedo nel futuro? Io penso solo al presente, sto bene alla Fiorentina e sto pensando alla partita contro il Napoli che è fondamentale per noi. Il pensiero di diventare la bandiera viola c’è, sono legato tantissimo a questa società e vedremo insieme di costruirlo. Le parole di Sousa su di me? Quando si fa una manifestazione importante come gli Europei, rientrare subito mi è parso più difficile del normale. Perciò il mister credo che si riferisse a quello, io e Sousa abbiamo parlato e ci siamo chiariti. Il ruolo? Mi sono sempre adeguato a quello che mi hanno chiesto gli allenatori, poi se devo scegliere una posizione in campo, sicuramente qui è dove mi trovo meglio. Sono innamorato follemente di questo sport. Siamo sempre stati legatissimi al mister che ci ha sempre dato tranquillità e abbiamo sempre dato il cento per cento. Ci sono stati momenti di difficoltà, ma non certo dovuti al rapporto giocatori-allenatore. Lo spogliatoio non è mai stato spaccato. Roma e Juve? Credo che la Juve sia una spanna superiore alle altre per quello che ha dimostrato in questi anni, sono sempre tutti a rincorrerla. La Roma ha giocatori fortissimi, ha una grande rosa e può lottare ancora per lo scudetto perché mancano tanti mesi alla fine. Loro e il Napoli sono quelle che possono dare fastidio alla Juve“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Certo, belle parole….prova a pensare un attimo tu al posto di loro cosa faresti in prima persona, parlare degli altri è sempre facile.

  2. Ringrazia iddio che hai i Della valle, guarda cosa hanno fatto società come milan ed inter negli ultimi anni. Se fanno lo stadio nuovo, scudetto a breve.

  3. Ho visto l’intervista, tutto bello, ragazzo semplice che spero rimanga cosi indipendentemente da cosa deciderà di fare in futuro, però debbo rimarcare che ancora una volta i giornalai di turno non si sono smentiti e la prima domanda in assoluto che gli hanno fatto è stata sul suo futuro alla Viola o meno, è una categoria che non sopporto più per la loro inadeguatezza e ripetitività irritante, andare a lavorare in miniera ……

  4. Berna e Chiesa sono la speranza…speriamo che nel prossimo futuro di costruire una squadra importante intorno a loro…scordavo che abbiamo i DV..come non detto ..FV

  5. Viola a bestia ma non ha mai detto che chiuderá la carriera(carriera che é ancora agli inizi)ad ogni costo, dovessimo finire anche in c o lottare per non retrocedere etc.
    Lui ha fatto capire che se ci stanno le condizioni per restare lo fará con piacere. Ovvio che se lui diventa il numero uno o quasi in italia e la viola si fossilizza dalla settima posizione in giù(negli ultimi 2 anni la viola ha tagliato sempre più gli ingaggi x ammontare complessivo di questi é se.pre più vicino a quello di chi ci segue che forbice con napoli e roma che la juve non la cito proprio tra ingaggi e cartellini é sempre più ampia e ce la giochiamo da tempo con tutti o quasi grqzie a un miracolo sportivo. ) e gli offre al massimo un quarto delle altre squadre non resterá a lungo ma sarebbe comprensibile e non gli si potrebbe rimproverare nulla.

  6. lucabilly1963, da Atene, Grecia

    Bernardeschi che potrebbe essere tranquillamente il mio figliolo, oggi, alla DS, mi ha fatto commuovere. Non ho mai dubitato di lui come persona, ne’ tantomeno come giocatore. E` un onore che stia con noi.

  7. viola a bestia

    Voglio proprio vedere se ce la farai a rimanere qui in una squadra che se va bene arriva in Europa League e a rinunciare a stipendi faraonici…se lo farai rimarrai immortale qui a Firenze altrimenti sarai un parolaio e un mercenario come tanti…

  8. Grande Berna

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*