Bernardeschi: “Fischi fanno male ma dobbiamo rispondere sul campo. Inter? Ora non se ne parla”

Bernardeschi con la Nazionale. Foto: Activa Foto

Federico Bernardeschi, esterno della Fiorentina e della Nazionale italiana, ha parlato ai microfoni di Rai Sport direttamente dal ritiro azzurro in quel di Coverciano. Ecco le parole dell’attaccante viola: “Conte o Ventura? Nessuna preferenza. Preferisco essere in Nazionale, che per un calciatore è motivo di orgoglio. Far parte di questa selezione mi rende davvero contento. Conte mi rimproverava di leggere meglio le situazioni del gioco, ed esserci più dentro. Ventura invece mi ha chiesto di mettere sempre la carica, dato che a volte traspare ed altre no. Un mio difetto è che a volte sono poco determinante, perché devo essere più lucido nell’interpretare le partite: magari fare anche quelle cinque corse a vuoto in meno. Modello? Ne ho avuti tanti, per il motivo che a me piace il calcio giocato. Il Milan, Baggio… non c’è un modello ben definito, ma amo chi sa giocare a calcio. Vorrei avere il carisma di Gigi Buffon, è una qualità che lui e pochi altri hanno. Amici? Ho i vari Cataldi e Romagnoli con cui ho condiviso le selezioni giovanili, ed è bello ritrovarsi qui in questo cammino. Con quelli con i quali ho più confidenza ci prendiamo in giro, coppini quando giochiamo alla Playstation. Sono cose belle, che fanno gruppo: si sta bene alla Nazionale. Penso che le parole siano state male interpretate, dato che me le ha anche spiegate privatamente. Quando si fa una competizione come l’Europeo, è normale che quando rinizi il procedimento di recupero si fa più fatica, e credo che abbia sofferto questa cosa di dover accelerare questo recupero. Fischi? Ci colpiscono dentro, ci rimaniamo male. Ma dobbiamo essere forti, e far capire ai tifosi che non ce li meritiamo, ma dobbiamo farlo sul campo, attraverso le vittorie e il bel gioco. Forse ci fanno tirare qualcosa di più fuori, ma serve capire che una squadra deve mettercela tutta. Non sono il massimo, ma ti fanno capire, concentrare e metterci ancora più determinazione. Inter?No, non se ne parla per ora. Vedremo più in là, ma io penso a Fiorentina e Nazionale. La mia fidanzata? Siamo giovani, stiamo bene: siamo una bella coppia, e chi sta bene si ama.Con il lavoro e il sacrificio riuscirò a levarmi qualche sassolino dalla scarpa. Vincere tanto, e vincere con la Nazionale, perché è una vittoria di milioni di persone”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. viola a bestia

    Non ci penso…PER ORA…o non voleva diventare una bandiera??…forse anche lui solo a parole…vaia vaia..siete tutti uguali!

  2. No non se ne parla per ora??

  3. chiaccheri troppo ciccio impara a fare il primo stop piuttosto che devi ancora mangiare tanta pappa

  4. Bernardeschi, tu sei uno che non mi ha mai convinto.
    Ormai la stampa nazionale ha deciso di celebrarti come un talento, ma tu sei un giocatore mediocre pure nel ruolo preferito.

  5. Noi non siamo un passaggio in una carriera, siamo un punto d’arrivo. Testa a dare il massimo in viola. I fischi ci sono perché potete e dovete fare meglio.

  6. Idiozie a gogo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*