Questo sito contribuisce alla audience di

Biraghi: “Qualcuno ha augurato la morte alla mia famiglia e non lo posso accettare. Non sono un fenomeno ma non tirerò mai la gamba per la Fiorentina”

L’esterno sinistro della Fiorentina, Cristiano Biraghi, intervistato da Il Brivido Sportivo, ha parlato del suo sfogo su Instagram dopo la partita contro il Chievo Verona che ha fatto molto discutere: “Sono appena arrivato a Firenze e non mi sognerei neppure di fare distinzione all’interno della tifoseria gigliata fra buoni e cattivi. Sono disposto ad accettare pure gli insulti a patto che riguardino la mia prestazione, ma ciò che non posso accettare è che venga tirato in ballo la mia famiglia. Dopo Verona qualcuno ha scritto sul mio profilo Instagram augurando la morte ai miei familiari. Ecco per me questi non sono tifosi né della Fiorentina né di altre squadre. Quello che mi ha fatto sbottare e ciò che mi ha scritto una persona che ha visto allo stadio di Verona alla mia famiglia, augurando che morisse nel ritorno a Firenze solo perché mi accusava di averlo fatto perdere al Fantacalcio”.

Poi ha aggiunto: “Non sono un fenomeno, non ho la qualità infinita di Federico Chiesa ma voglio dire a coloro che amano la Fiorentina che io darò sempre tutto per questa maglia non risparmierò neppure una goccia di sudore nei tirerò mai indietro la gamba. Per me Firenze la Fiorentina sono il massimo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Massima solidarietà a Biraghi, posso discuterlo come calciatore, ma non ammetto mai la violenza e quella verbale può far male anche di più

  2. Ha ragione,tifolamaglaviola,non dare retta,un conto e’ la critica un conto sono le offese personali fatte da gente di bassissimo livello,falliti della societa’

  3. Purtroppo ci sono imbecilli che rovinano sempre tutto. Credo che anche ADV si sia allontanato dalla Viola per questo motivo. Lo so che non si dovrebbe dar valore a questi individui ma non tutti ci riescono a maggior ragione quando viene tirata in ballo la famiglia.

  4. Biraghi a parte chievo fino ad adesso ha giocato partite sufficenti quindi nessun processo..FV

  5. Non dare retta agli eserciti di imbecilli che frequentano i social. Umberto Eco aveva ragione, dare parola e visibilità a tutti evidenzia anche tanti ********. Mi scuso per la brutta parola, se la redazione ne conosce una altrettanto adatta la suggerisca. Ma in questo contesto non è una parola volgare. E’ la parola corretta da usare.

  6. Adesso non è che bisogna fare una tragedia per un post, si sa che il mondo è pieno di inbecilli, augurare la morte alla famiglia di un giocatore che ha sbagliato una partita e ti ha fatto perdere al fantacalcio è talmente surreale che non deve essere nemmeno perso in considerazione.

  7. Tifolamagliaviola

    Biraghi, permette un consiglio? Lasci perdere i social, vivrà meglio

  8. Massima Solidarietà all Nostro Cristiano Biraghi.

    Chi Augura dell Male alla Famiglia non è Veramente né un Tifoso della Viola né di Altre Squadre…quelle Persone che parlano cosi hanno il Male dentro di loro.

    Noi dobbiamo dare Coraggio ed Incitare i nostri Calciatori Viola, ed gia quella Frase che ha detto Biraghi che darà tutto per la Maglia Viola ed che non si risparmierà nessuna Goccia di Sudore per La Maglia Viola sono Musica per le mie Orecchie.

    Non dobbiamo avere per Forza dei Fenomeni nella Rosa Viola basta che abbiamo 11 Combattenti Calciatori Viola che diano tutto per la Maglia.

    Forza Cristiano Forza Viola.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*