Bongiorni: “Criticare Berna è come buttare giù il Duomo. Baba si è adagiato dopo il rinnovo”

Bernardeschi Udinese 2

Antonio Bongiorni, responsabile del settore giovanile del Margine Coperta (club affiliato all’Atalanta), ha parlato a Agenziaimpress.it dei giovani della prima squadra di casa Fiorentina. Si parte da Bernardeschi: “Lo conosco da quando era bambino ed aveva già allora qualità immense. Lui ha veramente doti eccelse, poi bisogna capire se la sua crescita mentale e fisica lo possa portare a confermarsi a livelli importanti. A Firenze amano ed odiano allo stesso tempo fin dalla sua storia caratterizzata dai Guelfi ed i Ghibellini. Criticare Bernardeschi è un po’, usando una metafora, come se si buttasse giù il Duomo del Brunelleschi o tutto ciò che c’è in Piazza della Signoria. E’ un talento di cui la Fiorentina ed i suoi tifosi dovrebbero essere fieri, e portarlo in giro per il mondo come esempio del proprio settore giovanile, ha caratteristiche incredibili ed uniche”. Poi Bongiorni parla così di Babacar: “A Bergamo in 31 anni di mia collaborazione con l’Atalanta sono passati tanti ragazzi di colore e non riesco a capire cosa scatta nella mentalità di certi giovani al momento di dimostrare la loro forza perché hanno delle qualità immense a livello agonistico e fisico soprattutto ma quando hanno fatto il primo contratto e stanno bene, iniziano ad adagiarsi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Invece, aggiungo, su Babacar ha pienamente ragione. Il contratto è la causa di tutto.

  2. Caro Bongiorni, io capisco che lei sia abituato a parlare di calcio da mane a sera, ma per cortesia non mescoli il sacro col profano. Una cosa è il Duomo, una delle più belle opere dell’ingegno umano a livello mondiale, altro discorso è un ragazzotto di belle speranze che, dopo una mezza stagione a buoni livelli in un campionato la cui totale mediocrità è stata ulteriormente certificata dall’ennesimo fallimento europeo, è stato sommerso di tanti complimenti. TROPPI complimenti.

    Arrivare addirittura a subordinare Bernardeschi ad una delle tre-quattro cattedrali più imponenti e ricche di storia che il genere umano abbia mai conosciuto è una cosa che non si può sentire. La prossima volta pensi a un paragone meno oltraggioso.

  3. Concordo con Marius. Comunque l’adagiarsi certamente non è legato al colore della pelle.

  4. Ma che stupidaggine.Babacar è un attaccante che ha dei limiti,fatevene una ragione.

  5. parla in silenzio che se arriva spartacus te mena, purtroppo dice lui che baba..carro non e’ sfruttato nei migliori modi da sousa e siccome sara’ il futuro bati viola la societa’ dovrebbe prendere provvedimenti , nel senso che bisogna cambiare mister e trovarne uno che dia una svolta,alla carriera del baba..carro

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*