Questo sito contribuisce alla audience di

Borja Valero: “Dopo Gervasoni io non parlo più con gli arbitri. Giocare trequartista è per come tornare un ragazzino e su Rossi…”

BorjaValeroBolognaLa scorsa stagione di Borja Valero è stata segnata da una squalifica incredibile ricevuta dopo l’espulsione di Parma: “Ci ho messo un pezzo per farmene una ragione – racconta il centrocampista della Fiorentina a La Repubblica – Io da quel giorno non parlo più con un arbitro. Ma se ritrovo Gervasoni spero di chiarirmi”. Su Giuseppe Rossi: ““Lui è forte e sta lottando. Noi abbiamo bisogno di lui, di quel Giuseppe Rossi che nella prima parte di campionato ci faceva svoltare ogni partita”. Borja a Roma potrebbe giocare trequartista: ““Mi piace. E’ come tornare ragazzino con la maglia del Real. Non c’è storia: quando puoi stare più vicino alla porta ti diverti di più”. Già, Roma e l’Olimpico, ecco che riaffiorano i ricordi della finale di Coppa Italia, un vero e proprio incubo: “Nessuno si ricorderà di quella serata come di una finale di Coppa Italia. Non era calcio, solo paura e tensione. E un ragazzo ha perso la vita. No, quella non era una partita di pallone. Era follia”.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Ma cosa devi chiarire…? Quello è un incapace,presuntuoso e narciso.hooo!! quanto si piace!! Spero proprio di beccarlo in qualche aeroporto. Così gli dico cosa penso di lui. Ne ho incontrati tanti ma lui non ancora. Spero che la società lo abbia inserito nella lista dei ” NON GRADITI ” Gervasoni dei miei c…….

  2. Grande Borja: questo non dice mai una parola fuori posto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*