Questo sito contribuisce alla audience di

Borja Valero: “Sono tranquillo e fiducioso. Dobbiamo pensare a giocare, non voglio credere che ci siano altre cose…”

BorjaValeroAtalanta2E’ arrivato a Roma il centrocampista viola Borja Valero, in compagnia dell’ad Sandro Mencucci e dei legali della Fiorentina, ed ha rilasciato delle dichiarazioni, prima di entrare negli uffici della Corte di giustizia federale: “Io vengo qui fiducioso e vengo a dire le mie ragioni e basta.Poi vedremo cosa succederà. Io dirò quello che ho detto a Gervasoni e ciò che penso sia realmente successo. Posso solo ringraziare la gente perchè mi hanno sostenuto alla grande, mi hanno mandato migliaia di messaggi, e non solo da Firenze. Aspetto di vedere il verdetto ma sono tranquillo, ci sono cosa peggiori nella vita. Mando un saluto ai tifosi viola e speriamo che la squadra faccia una grande partita con la Juve. Se ci vogliono in Champions? Non lo so, non voglio pensare ad altro se non a giocare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Bravo borja, bisogna pensare solo a giocare senza alibi, al resto ci pensa la società!

  2. Le ultime parole famose borja

  3. io dico che se c’è un piccolo dubbio si può anche sbagliare ma quando c’è l’evidenza e l’arbitro sbaglia allora non c’è che una soluzione da prendere, mandarlo ad arbitrare dopo un buon riposo per un periodo di tempo partite dei dilettanti.

  4. OVIDIO quello delle Metamorfosi

    Vorrei che la Redazione facesse, se possibile, un elenco di arbitri da considerarsi inidonei a arbitrare la Fiorentina. Es.: Gervasoni, …

  5. ma tutti, e dico tutti gli addetti ai lavori dovrebbero fare un passo indietro…..la stessa classe arbitrale umilmente dovrebbe interpretare il ruolo di arbitro nel rispetto delle regole, non con metodi e modi di puro protagonismo (vedi gervasoni)…. un arbitro non dovrebbe nemmeno farsi notare in campo, altro che ruolo di protagonista

  6. …ha detto bene, devono pensare a giocare, non andare a protestare in gruppo, creando confusione e malintesi fisici e verbali che comportano spesso squalifiche; il capitano in campo è addetto a parlare con l’arbitro e commentare l’accaduto, naturalmente nei modi e parole conformi al rispetto…se viene fatto questo si evitano squalifiche come avvenuto più volte.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*