Brovarone a FN: “Tensione iniziale tra Sousa e la società ma ora vanno a braccetto. Joaquin vuole rinnovo alle stesse condizioni del Betis, altrimenti se ne andrà”

Brovarone2Capitolo difesa ma soprattutto attenzione rivolta a Joaquin, che è ancora un po’ in bilico con il suo contratto in scadenza tra meno di un anno. Con Bernardo Brovarone Fiorentinanews.com discute di queste due situazioni.

In difesa si parla invece di rimpiazzare Basanta ma i nomi, da Andreolli in giù, non esaltano

“E’ un tipo di operazione che non capirei, questo eventuale rimpiazzo di Basanta con Andreolli. Penso ci siano comunque diverse situazioni delicate. Andrà tutto verso il compimento negli ultimi giorni e ci saranno tante attività sia in entrata che in uscita. Trovo giusto continuare ad avere rispetto per la società che sta lavorando e giudicarla alla fine. Ad oggi un tifoso viola di fronte a così tanto risparmio economico si aspettava un’operazione di grido, almeno una che potesse incendiare un po’ l’ambiente. Ad oggi a riscaldarci ci ha pensato la squadra, che ha dato risposte impreviste ed ha addolcito un po’ tutti. Se fossero arrivate delle scoppole contro Barça e Chelsea l’atteggiamento sarebbe ben diverso”.

A proposito di situazioni delicate, che ne sarà di Joaquin?

“Qui il discorso è chiaro: il Betis è casa sua, certamente gli ha offerto un contratto di 2-3 anni. Lui ha un anno di contratto qui e chiede lo stesso tipo di accordo, ad ora la Fiorentina parla di altre priorità. Senza rinnovo il calciatore però chiederà la cessione ed a quel punto andrà via perché tanto oggi il calcio funziona così. La Fiorentina sbaglia adire che non si tratta di priorità, perché Joaquin è un giocatore importantissimo e decisivo per questa squadra”.

Gilberto come nuovo Romulo?

“Penso sia un giocatore che piace all’allenatore, è un corridore, agile, abbastanza tecnico, in copertura non ha grandi doti. È un giocatore che vuole gli spazi, la profondità e può fare la mezza punta, l’esterno e tanti ruoli sulla fascia. Però è un giocatore che va conosciuto e va visto per bene all’impatto. Il campionato italiano per questo tipo di calciatori è pericoloso”.

Si vocifera di un Sousa indispettito con la società: verità?

“A un certo punto magari sì, adesso in parte no. Sono convinto che all’inizio ci sia stato un momento di tensione, poi si è messo tutto in carreggiata ed oggi stanno lavorando bene a braccetto e vedremo quello che riusciranno ad ottenere. La Fiorentina non è una squadra simpatica, né facilitata da nessuno, siamo senza partner. Dobbiamo sempre fare le cose incontrando ostacoli, non si capisce se è per un atteggiamento generale o per quello di Diego Della Valle, sono tutti sempre un po’ avversari. Nel calcio di oggi questo è un grande difetto. In generale se il progetto sportivo resta nelle mani di Sousa e Pradè rimango tranquillo, se finisce in mano alla società e a tutte le note dinamiche può venire fuori di tutto”.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

22 commenti

  1. Ma una società che un anno prende anderson l’anno dopo propone kurtic, poi cerca di acquistare M-Savic fino portarlo alla firma a Firenze…salta tutto e del tanto agognato centrocampista il nulla come se non ne avessimo più bisogno, stesso dicasi per il terzino destro, stesso dicasi per i vari passaggi che da Cuadrado a Salah ci hanno portato in definitiva a Gilberto per concludere con l’affare del secolo da Nastasic a soldi più parigrado Savic il tutto imbottito da Hegazy (a luglio il centrocampista aggiunto) e Basata ( terzino nazionale) entrambi ormai partenti grazie al nuovo acquistò Astiri( giocatore da rilanciare dopo l’ultimo campionato e Roncaglia giocatore che in tutti i modi hanno cercato di lanciare via negli ultimi due anni. Mah..certo che il calcio è strano e tutto puo accadere ma alla fine bene o male ti chiede sempre di pagare il conto per quello che fai

  2. Società gestita in modo ridicolo, ormai lo sport preferito da ogni commentatore sportivo è declinare in modi politicamente corretti l’assunto di base. Sousa al terzo anno o quanti sono di contratto non ci arriva diamolo per scontato. I bravi che vogliono fare strada non son gente da dv, facciamocene una ragione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*