Brovarone: “Salah insensibile a Firenze. Non vedo sentimento verso la città”

image

Bernardo Brovarone, intermediario di mercato e tifoso della Fiorentina, parla così a Radio Blu: “Oggi i fondi di investimento determinano tutto. La Fiorentina ne è al di fuori. Salah è un giocatore che ha vissuto con la sua comunità a Firenze e lo vedo insensibile a quelli che potrebbero essere i fattori positivi fiorentini. Lo vedo circondato dai soliti falchi che lo porteranno dove ci potranno guadagnare tutti di più. Se c’è una proposta forte e importante, più di quella della Fiorentina, la valuteranno. Non vedo sentimenti o riflessioni attente su quello che Firenze può dare a Salah. Vedo una Fiorentina ricattata in questa situazione perché aveva già accordi privati, scritti e firmati con il Chelsea, se Salah dovesse rifiutare allora i viola andranno per vie legali. E’ una questione legata anche all’immagine della Fiorentina, in questo senso si rischia di perdere una grande possibilità, ma non si muore se si perde Salah. C’è un momento di rallentamento ma non è solo operativo ma anche a livello di investimenti da parte della Fiorentina. E’ un momento molto delicato e adesso non bisogna mettere fretta alla società che sta cercando di fare le cose nel miglior modo. Mettiamoci nei panni del giocatore è chiaro che davanti a certe offerte la riconoscenza non c’è perché sei l’uomo del momento e tutti ti cercano”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. Peccato cmq a doverci sempre inchinare ad altri club vedi le milanesi che vengono a far spesa da noi..
    Mi sarebbe piaciuto tipo modello Napoli poter far notare ai miei figli che la Fiorentina se vuole veramente un suo giocatore ha i mezzi per tenerlo…

  2. Concordo.

  3. questa attesa non ha fatto certo bene al giocatore che un po’ di appeal lo ha sicuramente perso.
    io ho dato per scontata la sua partenza quando coommentò l’affetto di firenze twittandolo come “troppo”…
    se resta benissimo, se va via….sti c…i!

  4. Brovarone anche la tua incompetenza è senza fondo

  5. quando arrivò a firenze esprimei le mie perplessità..
    quando le cose andavano bene, tutto a meraviglia, ma siccome con degli egiziani ho avuto a che fare, posso dire, che o sei fratelli o sei un ………. per loro!
    parlano di onestà e fratellanza, poi, quando non servi più ti ……!
    io, quelli che ho conosciuto, fortunatamente, li ho …… prima!
    ma questo sono!
    riconoscenza?
    se va via un piango!
    cosi come quell’altro, tra l’altro toscano!
    vaiavaia!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*