Questo sito contribuisce alla audience di

Bucchioni a FN: ‘Non sono io ad aver cambiato atteggiamento, ma è la Fiorentina che è cambiata. Il futuro di Bernardeschi….’

Abbiamo contattato oggi Enzo Bucchioni per chiedergli un parere a 360 gradi sul mondo Fiorentina, e ne sono venuti fuori diversi argomenti di discussione interessanti e news sul calciomercato della squadra viola.

Salve Bucchioni, aumentano le persone, anche tra i nostri lettori, che si chiedono il motivo del suo cambio di atteggiamento o di linea di giudizio nei confronti della Società Viola. Può darci la sua versione?

Non sono io ad esser cambiato, è la Fiorentina che è cambiata. Si è passati da investimenti ed acquisti importanti, gli ultimi sono stati Cuadrado, Gomez e Rossi, a gente come Olivera e Milic, mediocre a dir poco. Io non sono una banderuola, io analizzo e do la mia opinione che ovviamente può essere giusta o sbagliata, ma non cambio atteggiamento, semplicemente valuto in base a quello che vedo.

Però ad esempio ricordo che fosse lei a dare un 6+ al mercato estivo della stagione 2015-2016 dove non si era fatto nulla di eccezionale e poi di colpo i giudizi sono cambiati. Sbaglio?

Perchè in quel mercato arrivarono comunque Mario Suarez, bel giocatore che però non rese per quel che ci si aspettava, e Kalinic, voluto da Paulo Sousa in prima persona, che si è dimostrato fortissimo anche oltre quello che pensavo. Insomma con pochi soldi furono presi però diversi buoni calciatori che rinforzarono intelligentemente la rosa, tanto che nella prima parte di stagione la Viola letteralmente volò.

E poi?

Poi a Gennaio il giocattolo si ruppe. Con quei 2 giocatori forti che Sousa chiedeva, uno è Mammana che sta facendo molto bene al Lione e l’altro devo ammettere che non so chi fosse, si poteva tentare di arrivare in Champions League, incassare 50 milioni e cambiare la storia recente della Fiorentina. Invece arrivarono giocatori tutt’altro che forti.

In realtà a Firenze c’è chi la giudicava troppo buono prima con la Società ed ora troppo duro…..

Io cerco sempre di giudicare quello che vedo, è questo il mio lavoro, faccio il critico, azzeccandoci o sbagliando per carità. Anche con Cecchi Gori mi dissero all’epoca che ero passato da una posizione di approvazione ad una di critica, mentre erano semplicemente cambiati i fatti o le situazioni da giudicare. Io mi son sempre battuto contro chi criticava i Della Valle a prescindere, quando invece in 15 anni ci hanno fatto vedere grandi giocatori e non riconoscerlo è sbagliato. Come secondo me è giusto però ora sottolineare che stanno arrivando calciatori assolutamente non all’altezza della Fiorentina.

Secondo lei se il progetto stadio non dovesse sboccarsi definitivamente

Alt, io credo che la Cittadella commerciale rappresenti lo snodo cruciale di tutto il progetto Fiorentina. Io so che un gruppo cinese aveva incaricato una banca d’affari italiana di sondare la disponibilità dei Della Valle a vendere la Fiorentina, ma dopo un momento di riflessione, Diego ha detto di no, perchè la valutazione fatta si aggirava intorno ai 120-125 milioni di euro, e loro in questi anni ne hanno messi invece 250 nella Fiorentina. Quindi loro vogliono assolutamente fare lo stadio e successivamente guadagnare dalle strutture commerciali annesse, o al massimo rivendere dopo la realizzazione della Cittadella che, a quel punto, permetterà alla Fiorentina di avere una quotazione di mercato che li faccia rientrare di tutti i milioni investiti.

E se lo stadio non si dovesse fare?

Diego è disinnamorato totalmente rispetto al mondo del calcio, senza stadio sarebbe un bel guaio.

Domanda secca: meglio Pradè o Corvino per la Fiorentina?

Sono 2 ottimi dirigenti sportivi, ma diversi. Giancarlo è come se mi avessi chiesto meglio Sophia Loren o Claudia Schiffer? Diverse, ma straordinariamente affascinanti entrambe. Forse la bellezza di Corvino è un pò sfiorita per ragioni anagrafiche, tanto che lo scorso mercato estivo è stato davvero deludente (ad esser buoni), se non addirittura fallimentare, ma mi aspetto da lui un colpo da fuoriclasse in vista del prossimo. Su Pradè non condivido assolutamente le critiche che riceve: sportivamente ha garantito per 4 anni grandi squadre e grandi piazzamenti, economicamente ha sempre chiesto il permesso a Cognigni per ogni singola spesa, anche piccolissima. Quindi semmai non è lui il responsabile del buco di bilancio.

A proposito del prossimo calciomercato, considerando i soldi che arriveranno dalle uscite, si aspetta solo giovani calciatori di talento e giocatori da rilanciare o anche qualche innesto importante?

Non credo che arriveranno campioni anche una volta incassati i soldi delle cessioni importanti, in particolare Kalinic dovrebbe essere ceduto. Arriveranno dei buoni giocatori. Il motivo sta nel monte ingaggi, che la Fiorentina ha abbassato molto e così continuerà a fare o al massimo lo manterrà in futuro su questi livelli. I campioni costano almeno 3 milioni netti a stagione. Ma lo snodo principale del prossimo calciomercato estivo sarà comunque Bernardeschi.

Prego

Da un’offerta di rinnovo da 2 milioni che Bernardeschi avrebbe accettato solo con clausola da 40, massimo 45 milioni, si è passati ad un’altra da 2,5 netti per la quale Bernardeschi firmerebbe con una clausola da massimo 60 milioni (tra 1 anno insomma vuole essere libero di decidere il proprio futuro). La Fiorentina avrebbe voluto metterla a 100-120 milioni per tutelarsi al meglio a livello sia tecnico che economico, ma i prezzi delle clausole nel calcio di oggi sono rapportate all’ammontare degli ingaggi, come ci spiegano i procuratori. Bernardeschi sceglierebbe di firmare un rinnovo con una clausola così alta solo con uno stipendio rapportato a quella cifra e cioè di circa 5 milioni all’anno, come gli offre già oggi il Chelsea. Staremo a vedere, mi auguro che lui e la Società riescano a trovare un accordo per il rinnovo.

Ultima domanda: vede Babacar pronto per una stagione (la prossima) da titolare con la maglia della Fiorentina?

Dipende dall’allenatore che verrà e se sarà capace di costruire un gioco che valorizzi al massimo le sue caratteristiche. Lui ha un grande fiuto del goal, è un istintivo, ma tatticamente non è un granchè, a differenza ad esempio di Kalinic che è straordinario da questo punto di vista. Comunque considerando che ad esempio uno come Defrel vale 25 milioni, Babacar va tenuto senza dubbio in rosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

33 commenti

  1. Infatti: lui è rimasto il solito ……..

  2. Da leccavalle a controvalle, giravolta a 360° però il ragionamento che fa su questa proprietà a dir poco stralunata atterrata su un pianeta del tutto a loro sconosciuto che fa cappellate giornaliera con dirigenti calcistici al limite della novella non può che essere condiviso. Sfido un solo tifoso a giudicare con benevolenza i disinvestimenti dei della balle e la classe dei nuovi acquisti tipo Milic, Oliveira, Toledo, Diks e similari. Un comportamento indegno per la passione dei tifosi che, infatti, si sono schierati apertamente contro questa proprietà ed il loro degno direttore sportivo che sembrerebbe più adatto ormai a guidate il trattore che non a trattare per il mercato.

  3. mi chiedo come mai fiorentina news sia l’unico sito che non parli della fiorentina woman. eppure anche oggi hanno vinto e sabato sara’ festa scudetto. eppure voi rimanete in silenzio. o forse per voi e’ piu’ importante ascoltare il bucchioni che dare risalto alla fiorentina woman?

    Non è che non parliamo è che evidentemente non sei attento, ma per tua fortuna ci siamo noi. Eccoti di seguito il link del nostro pezzo sulle fantastiche ragazze della Fiorentina women’s http://www.fiorentinanews.com/la-fiorentina-womens-ne-fa-addirittura-nove-a-cuneo-appuntamento-al-franchi-per-lo-scudetto/. Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*