Questo sito contribuisce alla audience di

Bucchioni: “I Della Valle non si sono ancora ripresi dall’affare Gomez. Mi sembra che abbiano le idee molto confuse”

A Radio Bruno, Enzo Bucchioni disegna questo scenario per il futuro viola: “Una società che parla di un rosso di 4 milioni come se fossero 400, non mi sembra predisposta a fare una grande squadra, per farla bisogna investire, avere idee chiare, prendere un allenatore importante. Oppure bisogna fare tutto bene, con grande intuizione e coraggio, tutte qualità che una volta la Fiorentina aveva e che sono evaporate negli ultimi anni. Per me non si sono ancora ripresi dall’affare Gomez, però non si può per un investimento andato male, creare questo rapporto conflittuale col calcio. Qui c’è una squadra da rivoltare come un calzino. L’occasione la Fiorentina l’ha già avuta l’anno scorso e non l’ha voluta sfruttare, non investendo a gennaio. La scorsa estate c’erano 6-7 giocatori che avevano grande mercato, bastava decidere di venderne 2 o 3 e andare a reinvestire. Queste sono cose di calcio, anche per chi non vuole mettere soldi di tasca propria, invece qui anche come idee non ci siamo. Se ponessimo l’ipotesi di una cessione di Bernardeschi a 70 milioni, poi servirebbero le idee chiare per andare a investire su 7 giocatori da 10 milioni e fare una Fiorentina più forte. Invece sono tutti impauriti, della reazione della gente: che però reagisce bene se viene dimostrato che si sta lavorando per fare una Fiorentina più forte. Mazzarri? E’ un uomo di sfide, è abituato a lavorare in tutte le situazioni, che ricordi io non si è mai lamentato con i presidenti. Riesce sempre a ottenere il meglio dai giocatori che ha”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. Stavolta la disamina del Bucchia non fa una piega.

  2. Fabio Frappi Poldini

    Bucchioni non perde mais occasione per far capire …. che non ha capito! Si dasse un po’ di pace e la dasse anche agli altri! É insopportabile. Propongo e confido nella redazione di oscurare Bucchioni! Il nostro sistema nervoso ne guadagnerebbe.

  3. Qui Bucchioni la azzeccata anchio la penso cosi. Gomez la Buttati in depressione

  4. Concordo in pieno!

  5. Buck proprio non lo sopporto per il suo recente astio, però a sto giro ha fatto una disamina condivisibile.

  6. Sottoscrivo in pieno il commento di Alessandro puntualizzando che Sousa doveva essere allontanato alla fine dello scorso campionato. Il rapporto con la società era già palesemente incrinato e non vi sono stati nemmeno i presupposti e la volontà di ricuperarlo. In fin dei conti con un po’ di buon senso una soluzione transattiva poteva essere trovata e non avremmo perso un anno.

  7. Ma sa na sega Bucchioni??????!!!!!!!

  8. Tu invece hai le idee chiarissime…da quando non ti considerano più, spari a zero!!!!

  9. “L’occasione la Fiorentina l’ha già avuta l’anno scorso e non l’ha voluta sfruttare, non investendo a gennaio.” Mah! L’anno scorso Sousa ha fatto partire la squadra come quegli atleti chiamati a fare le lepri nelle gare di fondo: fanno due giri al massimo poi scoppiano e si ritirano. Solo che dal campionato di calcio non ti puoi ritirare, bisogna giocare tutte le 38 partite, quindi i bluff si pagano. Così è stato, e Sousa ha dato la colpa alla società per pararsi il culo. Ma per continuare come aveva giocato fino a dicembre la Fiorentina avrebbe dovuto comprare 20 giocatori forti. Secondo il mio modesto parere, la società, da parte sua ha fatto due errori capitali: ingaggiare prima Mario Gomez, poi Paulo Sousa. E in entrambi i casi la colpa gravissima è stata quella di scegliere solo basandosi su considerazioni di immagine, non tecniche. Gomez aveva fatto molti gol in Germania (giocando centravanti nel Bayern non è un’impresa memorabile), ma il Bayern se ne liberava, nessuno lo voleva, e bastava vederlo giocare una partita per accorgersi che sarà pure stato un personaggio mediatico, ma come calciatore era risibile. Non contenta, la Fiorentina ha ripetuto l’errore con Paulo Sousa, personaggi mediatico, sempre in ordine, palestrato, superbo, ma allenatore impresentabile in serie A, con un curriculum modestissimo accumulato nella B inglese, in Ungheria, Israele e Svizzera. Avessero preso un Foscarini sarebbe costato un cinquantesimo e avrebbe reso il triplo di Sousa, ma è stato preferito un uomo immagine a un allenatore di calcio….

  10. Così è. La paura regna sovrana. D’altronde tra il bofonchioso maresciallo Corvino, il ragionier Cognigni e la Vergine Andrea della Valle che panorama potrebbe mai venir fuori? Se viene fuori un panorama fantozziano è già un successo. Peccato che non faccia ridere affatto Firenze tale panorama. Non sanno neppure fare ridere… “Vieni avanti Corvino”: https://www.youtube.com/watch?v=8XGGi978j8E

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*