Bucchioni: “I miei undici consigli (più uno) non richiesti per Andrea Della Valle”

image

L’editorialista ed ex direttore del QS, Enzo Bucchioni, sul proprio blog (thebuccnotes.it) ha pubblicato una lista con i suoi undici consigli personali non richiesti (così li chiama) al patron della Fiorentina, Andrea Della Valle: “Istituzionalizzare in accordo con l’allenatore, l’apertura degli allenamenti almeno una volta al mese. Ma questo mio pallino che ho da tanto tempo mi par di capire che sia diventato o stia per diventare realtà. Un open day c’è già stato. Questa è la strada. Il tifoso vuole vedere da vicino i beniamini, vuole gli autografi e tutto quello che è il contorno ben noto.

– I rapporti con i club dei tifosi devono tornare ad essere costanti, i calciatori devono partecipare alle cene sociali, agli appuntamenti più importanti della vita di ogni gruppo. Ma non solo. La Fiorentina deve interagire con i club per organizzare a numeri ristretti, anche visite allo stadio, ai campini, alla sede.

– Una volta l’anno serve una convention-cena (alla Fortezza) aperta a tutti i dirigenti nazionali e internazionali dei club viola organizzati nel mondo con la partecipazione di Andrea Della Valle e della squadra. Un momento di incontro ufficiale da istituzionalizzare una volta l’anno

– Ci vuole poi più attenzione alla storia della Fiorentina che è il cordone ombelicale che lega società, squadra e tifoseria. Gli ex campioni della Fiorentina a girare, dovrebbero essere invitati, celebrati e festeggiati ogni domenica casalinga, allo stadio, prima della gara. Una passeggiata sul campo sotto i tifosi, la consegna di una maglia o di una targa, la partita vista vicino a Della Valle. Per gli ex dovrebbe diventare un appuntamento fisso per rimettere in moto la memoria e gli affetti. C’è il presente perché si viene da lontano.

– A questo proposito, altre società hanno dato vita con grande successo alla squadra Master, formata da ex giocatori che periodicamente fanno tornei benefici. Ai Master i tifosi sono tutti molto legati, anche questo aiuterebbe a rinsaldare i rapporti e a rendere più naturali i rapporti.

– Per i giovani, invece, potrebbe essere utile il coinvolgimento delle scuole. Dovrebbe essere coordinata la visita dei giocatori negli istituti secondari, lo sport e i valori dello sport sono sempre un grande tema. Nello stesso tempo gli atleti diventano messaggeri e testimoni della fiorentinità e del viola.

– Serve la creazione più rapida possibile di un Museo Viola con la Hall of fame, nel cuore di Firenze dove ci sono tanti spazi vuoti importanti, in attesa di crearlo all’interno del nuovo stadio, potrebbe diventare un polo di attrazione, ma anche un modo di ritrovare le basi di una storia gloriosa che deve essere il più possibile divulgata e ostentata con entusiasmo. Da non trascurare anche l’effetto turistico con benefici per il marketing e il merchandising.

– Va ripreso anche il rapporto con le squadre dell’hinterland fiorentino o regionale più vicine alla Fiorentina. L’amichevole infrasettimanale con queste squadre può tornare ad essere un modo per coinvolgere anche i tifosi e rimettere le radici nel territorio. Pure in funzione dello scouting.

– Studiare la possibilità con il comune di creare una sorta di strada viola. Ogni anno ex campioni lasciano la loro impronta sul modello di Hollywood.

– La società Fiorentina dovrebbe stabilmente entrare e partecipare a tutti i più grandi eventi sportivi della città, è una strada obbligata legare il marchio Firenze uno dei più importanti al mondo al marchio Fiorentina che deve crescere globalmente.

– Sotto l’aspetto della comunicazione serve maggiore attenzione in generale, la Fiorentina comunica malissimo o non comunica affatto. Una barriera da abbattere.

E poi oltre alla cura dei media tradizionali, serve particolare attenzione anche ai siti e a tutto quello che oggi è social. È il web, trascurando gli aspetti deteriori, che oggi unisce, fa massa, e regala una infinità di stimoli. Il web è il mondo come sanno bene i Della Valle che per le loro aziende extra calcistiche in questo settore sono all’avanguardia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti

  1. Che ….. Completate a piacere con un insulto a caso…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*