Bucchioni: “La cessione di Gomez è come un acquisto. Il compito di Corvino non era facile”

Corvino Sala Stampa

L’opinionista Enzo Bucchioni ha parlato a Radio Bruno Toscana: “La cessione di Gomez non era semplice, è stato bravo Corvino a tenere la linea attendista. E’ un colpo in uscita, ma è come se fosse in entrata. In questo momento per me la società naviga a vista, aspettando che si sblocchi la questione stadio. Se dovesse essere costruito i Della Valle sarebbero disposti ad investire, altrimenti potrebbero anche considerare l’ipotesi di salutare Firenze. Sono sempre più convinto che Paulo Sousa continuerà con la difesa a tre e mi auguro che abbia imparato la lezione dell’anno scorso. Il compito di Corvino non era facile, dato che doveva confermare il blocco dell’anno scorso e arricchirlo con giovani di prospettiva, tentando colpi alla ‘Jovetic‘”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Opinione assai incompleta e molto accomodante.

    L’opinionista in questione si dovrebbe ricordare che senza l’operazione di rilancio fatta da Pradè insieme al Besiktas lo scorso anno, che ha consentito a Gomez di disputare l’europeo da protagonista (!) Corvino oggi aveva la possibilità di trattare la vendita di Gomez con le stesse possibilità che sta dimostrando nel trattare la vendita di Babacar, ovvero: bassissime!

    Caro opinionista, prova ad essere più analitico ed anche minimamente obbiettivo.

  2. Avrà anche fatti dei sbagli nella precedente gestione ma per questa gestione e per l’esiguo budget serviva un DS come lui deciso dinamico e con gli agganci giusti per smuovere un poco il mercato e far pulizia di tanti acquisti e giocatori inutili Grande Corvo e FVS

  3. Allora speriamo che non venga costruito nessuno stadio.
    Siamo stati schiavi dei marchigiani per 15 anni ed i migliori risultati li abbiamo ottenuti per merito di maghi-allenatori (vedi Prandelli, ma soprattutto Montella) che gli stessi DV hanno boicottato e ripudiato, soltanto perché la gente si stava attaccando molto a loro e quindi diventavano pericolosi se avessero dichiarato (come in parte hanno fatto) che per vincere bisognava mettere qualche soldo in piu!
    In fondo è il motivo per cui non hanno mai preso Antognoni, uno che parla sempre a cuore aperto e con totale sincerità.
    Antognoni li avrebbe potuti sputt**** con naturalezza.
    Io comunque non dimenticherò mai una frase detta da Prandelli sui DV alla fine del rapporto. Prandelli fu il PRIMO a capire che i DV era una Proprietà farlocca e affarista, piena di false promesse, solo per arruffianarsi le Istituzioni sull’onda dell’entusiasmo ed ottenere concessioni e terreni a gratis.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*