Questo sito contribuisce alla audience di

Bucchioni: “La Fiorentina è stata intelligente e la promuovo, ma il livello tecnico è quello che è. Benassi gran lavoro ma manca la qualità”

A Radio Bruno il giornalista Enzo Bucchioni fa il punto sulla prestazione di ieri da parte della Fiorentina: “Era la classica partita da 0-0, purtroppo alla fine è sfuggita di mano. Io comunque non guardo il risultato, anche se un punto sarebbe stato meritato, però questa Fiorentina la promuovo perché ha dimostrato di saper essere squadra e saper stare in campo. La Juventus è stata talmente ingabbiata da giocare male, la Fiorentina ha giocato con umiltà e intelligenza ma anche personalità. Allegri è andato fuori di sé nel finale, perché c’era la sensazione che potesse arrivare il pareggio nonostante l’inferiorità numerica. E’ una squadra che sta lavorando insieme da meno di un mese, il lavoro di Pioli si vede e può solo crescere: non so dove possa arrivare, perché il livello tecnico è quello che è, ma può sicuramente togliersi delle belle soddisfazioni. Sono mancate le ripartenze e le verticalizzazioni, anche se la Fiorentina ci ha provato. Lì torniamo al discorso del livello tecnico. Pioli però è partito giustamente dalla difesa, la fase difensiva funziona meglio rispetto agli esordi. Benassi? E’ chiaro che mi aspetto di più ma mi aspetto anche che venga messo nelle condizioni per esprimersi meglio. E’ un interno classico, ha gamba e va verso la porta anche senza palla. Ieri anche lui ha pensato soprattutto alla fase di interdizione e all’occupazione dello spazio: lui e gli altri lo hanno fatto bene. Sulla geometria e la qualità è mancato un po’ di più ma anche lì siamo in una fase di crescita”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. A me e’ piaciuto l’impegno che hanno messo.La squadra ha giocato con grande attenzione e volonta’,l’anno scorso tra un allenatore che non caricava i giocatori e la presupponenza di alcuni di loro,avremmo preso tre gol.Se si continua cosi’,con la stessa abnegazione,credo che faremo dei buoni risultati,anche perche’ non tutti gli avversari si chiamano Juventus e non tutti gli attaccanti sono come quei tre di ieri sera.

  2. Bucchioni ha ragione, è mancata qualità, finchè in campo c’era Benassi, ma ha dimenticato di aggiungere che è mancata qualità RISPETTO ALLA JUVE. Non è un dettaglio. Di qualità ne avremmo vista molto di più nella ripresa, sullo 0-1, con Gil Dias in campo e in 11 contro 11, i primi segnali, anche se per pochi minuti, già si vedevano. Avremmo rischiato qualche contropiede in più, ma, come con la Sampdoria nella ripresa, li avremmo messi alle corde. La Fiorentina se gioca a ritmi alti è già ora una delle migliori 5 del campionato, a ritmi alti, e con giocatori più offensivi, se non delle migliori 4. Rischia però qualcosa in più dietro, così, e non può reggere quei ritmi per 90 minuti, ma Pioli, secondo me, nella ripresa, con la Juve, avrebbe giocato a ritmi più alti. I segnali si vedevano. Fase difensiva ottima comunque, con Benassi in campo, perdiamo in attacco, con le grandi squadre, con le piccole basta Benassi. Ma presto magari inserirà Saponara e vedremo. Preparatevi al grande girone di ritorno di questa squadra, e a qualche bella sorpresa in Coppa Italia. Già ora siamo da quinto-sesto posto, ce lo giochiamo col Torino, le altre stanno dietro, e staranno dietro alla fine. Davanti a noi credo ci saranno solo Juve, Napoli, Inter e Roma, in questo ordine. Il Milan, con quei giocatori e con quel ritmo lento nel gioco, davanti a noi non ci arriva, fidatevi. E neppure davanti al Torino, che ha troppa qualità davanti ed è squadra concreta, non svolazzante e inutile e lento come il Milan di Montella. Torino però troppo flaccido, a volte, anche se molto tecnico in attacco, somiglia alla Juve, senza la qualtà della Juve, che non si offendano i torinisti, ma è la verità. Montella è bravo se gli dai giocatori di qualità tecnica assoluta, soprattutto a centrocampo, altrimenti è un allenatore normalissimo, anche se piuttosto fortunato. La Lazio è al livello di Milan e Atalanta, con la Sampdoria un pò più indietro, ma non di molto. Scrivetevi la classifica, e controllatela alla fine. Smetetela di attaccare i giocatori per un errore, gli errori si fanno e si faranno sempre, è importante il trend di lungo periodo e il comportamento della squadra. Si sbaglia in attacco e si sbaglia in difesa, smettetela coi capri espiatori e imparate a capire il calcio.

  3. Caro Bucchioni anche il tuo livello tecnico e’ quello che e’.

  4. Dimenticavo che tante squadre fanno punti a torino contro la rubentus..in fondo chi sono ? Ultimi sei scudetti in fila senza sudare e due finali di CHAMPIONS negli ultimi due anni…e ricordo a tanti che non hanno visto la partita ma commentano..una occasione per la viola con simeone che da solo a dieci metri dalla porta ha spedito alto e due occasioni per la rubentus…leggere negli ultimi sei anni quante volte hanno avuto meno occasioni..ma voi siete così..tifosi di cacca..FV

  5. Io non so quante partite abbiate visto in vita vostra o quanto chili di prosciutto avete sugli occhi. Mi dite l’ultima squadra che è andata allo Stadium e ha messo davvero in difficoltà la Juve? E credete che una partita come quella fatta da noi ieri sera può essere affrontata con gente dal basso livello tecnico? Diciamo piuttosto che sono giovani, quello sì. Ma cresceranno.

  6. O Bucchioni……e si ritorna sempre lì……….se tutte le volte che si arriva a certi livelli e si torna sempre indietro…..( per far cassa…) ,sarà sempre così! SFV.

  7. Ha ragione Bucchioni: il livello tecnico è quello che è. Solo degli spovveduti possono far finta di nulla.
    Se si tolgono Chiesa e Simeone (tra l’altro quest’utlimo impiegato male) il livello tecnico è MODESTO.
    La “grande partita” senza neppure un tiro in porta raccontatela ai beoni. La Viola si è dignitosamente difesa. Punto. Poteva anche strappare il pareggio, ma questo è altro discorso.
    Vediamo ora di fonte ad una altra “grande”, l’Atalanta, cosa si tirerà fuori se ne buschiamo ancora…
    PS. A Torino sarebbe meglio andarci a giocare ogni 10 anni, tanto la statistica è questa. Prandelli, Montella, Sousa o Pioli che dir si voglia.

  8. E ieri gli mancavano anche diversi titolari.

  9. Anche per giudicare la qualità tecnica aspetterei di vederli più affiatati. E’ evidente che un passaggio più lungo o più corto venga percepito come errore tecnico quando invece può essere il movimento del ricevente a mettere in difficoltà. Non ci sono eccellenze assolute ma nel complesso la squadra pare più equilibrata ed omogenea.

  10. Ma che significa “il livello tecnico è quello che è”? Stiamo parlando della Juventus: ha vinto gli ultimi 6 campionati, ha disputato due finali di Champions in tre anni, allo Stadium non perde un colpo. E noi siamo andati lì a disputare una grande partita che, con un pizzico di fortuna in più, nel finale e in 10 potevamo anche pareggiare. Una frase come quella di Bucchioni va bene per il Benevento, non per noi. Poi dice che DV parla di gufi e avvoltoi…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*